Guido Marzorati (28/11/1975) nasce e studia a Venezia, dove comincia la sua carriera di musicista all'interno di svariati gruppi locali. Nell'agosto del '99 incide il primo disco solista (voce, chitarra, armonica) "LIVE AT HOME". Nel settembre del 2000 vince il concorso "Bande Rumorose" a Copparo (Fe) e nello stesso mese escono due recensioni del disco: una su "Buscadero" e una su "The River", che gli danno modo di farsi conoscere. Nella primavera del 2003 intraprende un tour di 20 date in alcuni locali di New York, riscuotendo sempre un ottimo successo. Dall'estate del 2002 inizia la collaborazione con "The Blugos" (Elisa Marzorati al piano, Iliano Vincenzi al basso e Andrea Scarpari alla batteria) con i quali rielabora gran parte dei pezzi, adattandoli per una versione più completa e coinvolgente da proporre in locali, teatri e manifestazioni. Vengono inoltre inserite nel repertorio alcune cover di successo (Beatles, B. Springsteen, B. Marley, T. Petty). Nell'estate del 2003 al "Festival d'estate" a Vascon (TV), hanno l'onore di fare da spalla alla "Treves Blues Band", leggenda del blues "Made in Italy". Nel 2004 in "Piazza Castello" a Ferrara Guido Marzorati suona con "Joe Grushecky & The Houserockers" rocker americano prodotto da Bruce Springsteen. Nel 2005 ha suonato allo Stone Pony, mitico locale ad Asbury Park, dove si sono esibiti i più grandi della musica rock. Nel 2006, a tre anni dalla registrazione esce "JOURNEY OF HOPE" il nuovo disco con "The Blugos" che è stato accolto con entusiasmo dai critici e dal pubblico. Lo stile e la vivacità di Guido Marzorati & "The Blugos" ricordano l'atmosfera calda dei cantautori fine anni settanta, con quelle suggestioni e quei colori propri del panorama East-Coast della musica d'autore.