Amici da sempre. Di quelli cresciuti ascoltando musica in macchina, per intere nottate. Insieme avevano intuito quello che poteva essere il modo giusto per raccontare le loro storie. Decidono allora di chiudersi in una soffitta per dar voce alle proprie speranze e delusioni. È così che dal 2010, con fare semplice e disincantato, decidono di portare sul palco il loro sound, deciso e potente, pieno di riferimenti agli anni ’90, ispirandosi alle band con cui sono cresciuti come Get Up Kids e Jimmy Eat World. Sono stati protagonisti delle aperture live di Yellowcard, Anti- Flag, MxPx e Motion City Soundtrack. Impossibile immaginare che da quelle notti in macchina si sarebbero potuti raggiungere tali palchi. Negli U.S. li ha recensiti la rivista AbsolutePunk, che ha detto di loro: “…songs full of genuine sentiment and refreshing instrumentation that deserve to be better known, delivered in such a warm and nostalgic style”.
Per tentare di descrivere tutto ciò al meglio, hanno realizzato il loro primo album: “Desert”. Nell’ultimo anno si sono chiusi prima in studio e poi in un casolare in campagna, pieno di amici. Grazie all’aiuto del produttore Nicola Fantozzi hanno creato un disco grezzo e viscerale. Il loro “Desert” lo descrivono così: “Quello che ci aiuta a riempire il deserto è ciò per cui vale la pena esserci. Ogni giorno ce lo troviamo tutti davanti, ognuno col proprio modo di affrontarlo. E non c’è dubbio che anche il più vasto degli spazi vuoti non basti a contenere i sentimenti più genuini e profondi”.