I Samurai sono un singolare amalgama di “influenze diverse, che vanno dal rock alternativo e sperimentale fino al grunge e alla musica elettronica” (The Guestlist Network), senza troppo appoggiarsi agli stilemi tipici dei generi, ma divertendosi a minare alla base le convenzioni con scarti e scelte artistiche non banali.
La band è nata nel 2009 dall’unione di quattro personalità diverse e complementari provenienti da esperienze musicali diverse (Pay, Magazzini della comunicazione, Chaos Surfari) .
I samurai sono : Vincenzo Calandrino (voce e chitarra), Giorgio Cuccurugnani (basso e cori), Luca Bresciani (Piano, synth e programmazioni) e Stefano Contini (batteria e cori).

Nel 2010 è uscito il loro primo EP, di cui il portale INDIEFORBUNNIES dice:
“Questo EP autoprodotto è il risultato di quattro ragazzi, più corrente elettrica, più sonorità belle distorte e rabbia che neanche gli adolescenti hanno più. Se non hai qualcosa da dire non vai da nessuna parte. I Samurai lo sanno e il loro codice d’onore li porta a farsi largo tra la folla grazie a colpi di sano rock’n’roll. Hanno parecchie cose da dire e lo fanno nel miglior modo. Sudando e suonando uno strumento come si deve”.
L’eco delle loro sonorità giunge fino in Gran Bretagna, dove la rivista online The Guestlist Network recensisce l’EP in questi termini:
“Le loro menti ingegnose e penetranti hanno fatto dell’ Ep “Samurai” non solo un prodotto di musica italiana ma un disco sorprendentemente internazione. L’ep contiene otto taglienti tracce; 4 in italiano , tre in inglese più una traccia strumentale”.
(http://guestlist.net/reviews/286/the_samuraisamuraiep_review/)
Nel 2010 i Samurai iniziano le registrazioni di nuovi pezzi e si esibiscono in alcune località del centro Italia e nei maggiori live club della Lombardia.
Due emittenti, Radio Popolare e Poliradio, si interessano ai Samurai intervistandoli e ospitando due brevi live acustici durante i programmi “Liberi gruppi” e “Soundcheck”.
Nel 2012 la band ultima il suo secondo EP, Samurai, che riceve immediatamente un’ottima recensione dal più famoso portale italiano di musica, Rockit. Il critico Fausto Murizzi infatti dice:
“Le 8 tracce con le quali si presentano i Samurai raccontano di una band potenzialmente in grado di ambire a palcoscenici da migliaia di persone. È evidente la grande capacità di scrivere e arrangiare canzoni secondo gli standard mainstream - e, intendiamoci, trattasi di un complimento […]. Il risultato finale ci pare degno di attenzione e un ottimo biglietto da visita, magari da presentare a discografici in cerca di qualcosa da "cucinare" al volo. Resta assodato che i Samurai anche facendo tutto da soli potrebbero riuscire in qualcosa di importante”
(http://www.rockit.it/recensione/13381/ilsamurai-samurai)
Per il mese di Ottobre 2012, è prevista l’uscita del primo video ufficiale (curato dalla casa di produzione Ampispazi) della band, realizzato per il brano “Senza Fondo”, remixato da Root Out.