Il Terronista è una sorta di brigante dei giorni nostri, non in senso indigeno del termine ma in quello ideologico, quindi non ha confini geografici,

Il TerroNista nasce dalle ceneri di Jake Moody, cantautore e chitarrista lucano che nel 2012 ha intrapreso questo progetto. Mescola diversi elementi che creano una sintesi tanto familiare quanto originale; una musica folk-rock combinata a ritmi mediterranei, popolari, fanno da cornice ai suoi testi, spesso semplici, ma che esprimono quel tanto che hanno da dire in modo coinvolgente. La sua voce, vibrante, flessibile, calda, arriva al pubblico perché ricorda voci che hanno raccontato l’Italia fino a ieri.
Hanno scritto di lui, dopo un’intervista rilasciata in occasione del Meeting del mare: “Il suo legame con Edoardo Bennato è chiaro, per le sfumature musicali e il tono della voce, rievoca invece Fabrizio De Andrè nella sua predisposizione a raccontare l’elemento popolare, infine Giorgio Gaber quando denuncia realtà politiche e lo fa con ironia. L’immedesimazione nella realtà, nei racconti e nelle esperienze sono le sue ispirazioni. La consapevolezza della potenza della musica e la sua ostinata necessità di avere un dialogo con il pubblico, lo porta ad esprimersi in prima persona, fino a interrogarsi più volte su cosa sia la musica e quale sia la sua natura, la sua missione”.
Ad inizio 2013 ha presentato il concept album dal titolo “Libertà di espressione” al teatro F.Stabile di Potenza. Lo stesso anno alcune radio locali hanno trasmesso buona parte del disco, tra cui Radio New Sound e Radio Tour (con frequenze che comprende Basilicata, buona parte della Campania, parte della Puglia e Calabria); anche alcune testate giornalistiche locali hanno notato l’artista; partecipa al Dedalo Festival, è vincitore assoluto della III edizione del Woody Groove Sound Festival; in occasione del festival “Inzanstock” ha aperto il concerto de “I Soci” (con Cosimo Zannelli, Federico Sagona e Pino Fidanza che hanno collaborato con Piero Pelù e i Litfiba) ed è stato finalista del concorso “Targhe d’autore controcorrente”.
Nel gennaio 2014 grazie all’album “Libertà di espressione” ha firmato un contratto con la Hydra Music, con sede in Eboli (SA), che collabora con artisti di tutto rispetto quali: Tullio De Piscopo, Enzo Gragnianiello, Alessandro Haber, etc.
Per il tutto il mese di Marzo il singolo “Il mio nome è amore” è stato nella track list ufficiale del circuito Meet’n’radio, a cura dell’ufficio stampa OnMag.
Il 30 maggio ha suonato a Marina di Camerota in occasione del Jam Camp, arrivando tra le prime 10 band selezionate per suonare al concerto del Meeting del mare. L’1 giugno, col suo quintetto, vince il contest “Facimm Juorn” organizzato dalla Pro Loco di Sasso di Castalda (PZ) e ha modo di registrare in settembre un EP, che vanta la collaborazione con l’artista siciliana Valeria Cimò.
Nel suo tour estivo, tra le numerose date, spiccano il 4 e 5 agosto in provincia di Agrigento e il 9 agosto per l’apertura del concerto di Giorgio Canali e degli Zen Circus in occasione del festival “Le notti dell’Aspide”.
Dopo aver presentato su Musicraiser il progetto per la stampa e promozione del disco e raggiunto l’obiettivo, alla fine del 2014 uscirà il disco a livello locale per poi presentarlo alla stampa nazionale a marzo del 2015, collaborando con l’ufficio stampa MArtePress insieme a quello del circuito MEI.