6 complici / 1 sala prove / 1 progetto tra numetal ed elettronica

Siamo 6 complici, distribuiti non equamente tra Fermo, Porto Sant'Elpidio (FM), Petriolo (MC) e Tivoli (RM).

Mediamente siamo intorno ai 38 anni, ma in sala prove o sopra un palco l'anagrafe non ha rilevanza: contano le idee e la capacità di renderle vive.

Nel corso degli ultimi tre anni, da quando ci siamo (r)incontrati, abbiamo cercato di dare forma a qualcosa di particolare (che abbiamo impulsivamente definito “electrocore”), capace di amalgamare stili, approcci ed esperienze musicali radicalmente diverse tra loro. Qualche riferimento? Tanti, sia sul versante straniero che su quello italiano. La parte sonora si muove tra nu-metal, crossover, industrial e alternative rock, con un giusto dosaggio elettronico. Quella cantata viaggia in equilibro tra rap e cantautorato, dove la riflessione impatta con passaggi piuttosto dinamici. Il tutto però, lo sottolineiamo, limitando al massimo le possibili influenze. Perchè il nostro è soltanto un caotico quanto rumoroso progetto da cui ognuno può estrapolare l'aspetto più accattivante e stimolante, senza gabbie.

Nei testi abbiamo assemblato esperienze personali e non, raccontando le infinite maschere di questo Paese, la curiosità di un figlio che cresce, l'attitudine consumistica, il rapporto tra uomo e tecnologia, le forme di potere che resistono sempre e comunque. Insomma, ci guardiamo intorno. Ma soprattutto dentro.

Obiettivi? Divertirci. E creare. Perché sappiamo fare solo questo.

L'unico messaggio che ci permettiamo di mandare, sia attraverso le canzoni che nei live, è che occorre “agitarsi bene prima dell'uso”, indignarsi, muoversi, gettarsi. E soprattutto alzarsi.

Nella primavera 2015 uscirà ufficialmente il singolo “Minotauro”, che vede la collaborazione di Ale Bavo e Filo Q, insieme il videoclip diretto dal regista Marco Cruciani e con protagonista l'attore Giorgio Montanini (“Nemico Pubblico Live” su Rai Tre e “Comedy Central” su Sky).