Epoque / intervista

Con Epoque l'afrotrap sbarca in Italia

Ha 26 anni, le sue origini sono in Congo e vive a Torino. Il suo stile guarda all'Africa e alle seconde generazioni della vicina Francia (dove ha vissuto), su cui aggiunge le sue rime conscious e multilingue
23/10/2020 14:57

Il suo vero nome è Janine Tshela Nzua. Classe 1994, ha origini congolesi e ha passato l'infanzia tra Torino, Parigi e Bruxelles, per poi tornare nel capoluogo piemontese dove, influenzata dalle sonorità incontrate in giro per l'Europa, decide di intraprendere la carriera come rapper con lo pseudonimo di Epoque. All'ombra della Mole incontra Gek, cultore di musica afro, house e hip hop. Insieme al producer dà vita a uno stile urban con sonorità etniche e testi conscious, che guarda con particolare interesse alla scena francese.

Quattro singoli all'attivo, per abbattere ogni giudizio sociale e artistico. Epoque è la prima "promessa" dell'afrotrap italiana, una definizione che per ora non suona granché, ma che in futuro potrebbe dire qualcosa a molti.

Afro-italiana, ma in realtà sei una vera e propria cittadina europea.

Io sono nata in Italia, ma, come tante famiglie di origine africana, ho parenti sparsi per tutta l’Europa. A Parigi, a Bruxelles, a Lille passavo le vacanze, di sicuro la mia storia non è paragonabile a quella degli attuali immigrati, sono stata molto più fortunata.

Per descrivere il tuo ultimo singolo, usi queste parole “Le uniche cose davvero importanti e utili in quel momento: la fuga e la sensazione di sicurezza”. Mi pare che la tua sia una fuga diversa…

Nemmeno i miei genitori sono letteralmente scappati dalla guerra, il loro Paese non era stato coinvolto direttamente, anche se il Congo è da anni tristemente sede di una guerra constante. Loro sono venuti in Europa per dare un futuro ai propri figli. Scappare da un momento brutto, da una situazione spiacevole, quello che volevo raccontare era la sensazione di una fuga generica. La voglia di cambiare vita che può accumunare qualsiasi essere umano, a prescindere dal colore della pelle.

Epoque, foto pressEpoque, foto press

Pensi che in Francia sarebbero più facili le cose per te?

La Francia avrebbe più punti di riferimento per me. Non intendo esclusivamente a livello di rapper di seconda generazione, un argomento ormai sdoganato, quanto per il rap femminile. Mi ritengo fortunata anche in questo caso, non sono stata la prima rapper donna in Italia, altre interpreti si sono già prese la shitstorm. Forse il mio ultimo singolo ha fatto parlare più dei precedenti, perché non mi espongo solo in quanto ragazza afro-italiana, ma come donna. Cerco di combattere ogni pregiudizio a prescindere dal colore della pelle, dalla taglia, dalla religione. Sono felice di poter portare più bandiere possibili.

Un’idea che si riflette anche nell’uso variegato delle lingue.

La mia nazionalità e italiana, ma io sono frutto di culture diverse, le lingue mi sembravano lo stratagemma più genuino per mostrarmi naturalmente. L’uso del lingala ha sicuramente un valore “sociale”, tengo a ribadire il messaggio che siamo tutti cittadini del mondo. Che, in fondo, io non appartengo a nessuno se non a me stessa. Poi c’è l’aspetto stilistico, alcuni termini francesi li utilizzo perché li ritengo swag. Spero la variegatura linguistica diventi una sorte di mio marchio stilistico.

Vivere all’estero avrà sicuramente influito sul tuo stile.

Viaggiando, ho sempre tenuto un “diario di bordo”. Credo sia un ottimo esercizio per allenare la memoria. Ho sempre scritto, ma la difficoltà della musica era esprimere i miei pensieri in uno spazio ristretto. In Francia ho scoperto l’afrotrap, l’ho subito percepito come un genere di famigliare. Sono stata inserita in una playlist francese, per me è un grande riconoscimento. Io sono cresciuta in Italia e mi sento appartenere a questa scena, ed è il motivo per cui sto cercando di limitare l’uso del francese. Il nostro sound arriva dalla Francia, ma deriva da uno studio. Abbiamo cercato di attualizzarlo, renderlo nostro.

Epoque, lo scatto viene dal videoclip di PetiteEpoque, lo scatto viene dal videoclip di Petite

Usi il plurale perche ti riferisci al tuo produttore?

Epoque nasce proprio con Gek, siamo come Sfera Ebbasta e Charlie Charles. È iniziato tutto con un cliché: sei africana hai il ritmo nel sangue. Fino a quel momento nemmeno lo sapevo. Ho iniziato a rappare perché ho una voce molto bassa, non provo nemmeno a cantare come Beyonce. Fortunatamente con la trap il rap si è evoluto, è molto più melodico. Unire qualche suono etnico alla trap non vuol dire fare afrotrap. Gek è l’unico che credo riesca a capirmi.

Capire cosa?

Che dobbiamo rendere nostro quel sound, il che vuol dire attualizzarlo ai gusti degli italiani, senza snaturarlo. Lui mi ha incoraggiato in questa strada, sosteneva nella nostra nazione non ci fosse nessun artista che faceva questo genere. Per di più donna. Speriamo di lanciare una nuova wave, un nuovo genere che identifichi l’afro-trap italiana. Ma non è facile, l’Italia è una nazione molto conservatrice, sul piano artistico quanto su quello sociale.

---
L'articolo Con Epoque l'afrotrap sbarca in Italia di Marco Beltramelli è apparso su Rockit.it il 23/10/2020 14:57

Tag: trap - rap italiano

Pagine: Epoque

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Leggi anche
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani