Il basket secondo Ghemon Intervista

Elanvivienne - Ghemon e Dan PetersonElanvivienne - Ghemon e Dan Peterson
29/09/2015 di

Si chiama "Vola Alto", ed è la colonna sonora ufficiale che accompagnerà il nuovo campionato di Serie A di basket, al via questa domenica. A cantarla c'è Ghemon, che non ha mai fatto mistero della sua passione per la pallacanestro, come mostra anche nel video del pezzo, dove tra un allenamento e l'altro compare anche Dan Peterson, storica figura del basket in Italia. Abbiamo raggiunto Ghemon e ci siamo fatti raccontare la genesi di questo amore, lasciandoci anche suggestionare dal suo quintetto tipo di tutti i tempi.

Che rapporto hai con il basket?
Ho iniziato a fare minibasket all'età di sei anni, mentre intanto giocavo anche a calcio. Ho sempre fatto almeno due sport in contemporanea nella mia vita, diciamo che ero un bambino esuberante. Crescendo, ho poi proseguito anche nell'adolescenza ad allenarmi con varie società ed ero nella squadra del liceo. Ad Avellino lo stadio di calcio ed il palazzetto sono uno di fianco all'altro, quindi le mie domeniche passavano facendo la spola. Ho vissuto il basket come una forte passione e soprattutto lo sport come una cosa naturale.

Da cosa ti sei fatto guidare nella scrittura di "Vola Alto"?
Dal fatto che amo questo sport, che trovo tantissimi paralleli tra i sacrifici e la vita di uno sportivo professionista e quelli di un musicista e perché volevo dare il mio contributo al movimento e al campionato italiano che ho sempre seguito. Ora qualcuno segue me e mi sento di poterli coinvolgere nel mondo della pallacanestro.

Hai una squadra del cuore?
La Scandone Avellino. In NBA non ho una franchigia preferita e ammiro più le organizzazioni che le individualità. Mi piace quando le squadre giocano bene e hanno un sistema, come gli Spurs degli ultimi anni, o come Atlanta per una buona parte di stagione regolare, o come i Warriors.

Il tuo quintetto tipo di tutti i tempi?
Non posso farlo per ruoli, sono solo cinque grandi giocatori

 

Michael Jordan

Michael Jordan

IL BASKET.

 

Shaquille O'Neal

Shaquille O'Neal

Perché è stato il centro più dominante che ho visto giocare nei miei anni di formazione, quindi era per me anche un idolo. Inoltre era un rapper e questa cosa lo rendeva ancora più cool.

Penny Hardaway

Penny Hardaway

Se non avesse avuto i suoi problemi fisici, avremmo parlato di lui con qualche anello alle mani e lo avremmo messo al livello di nomi più "maestosi" (tra l'altro le sue "Penny 2" restano forse le mie scarpe da basket preferite).

Stephen Curry

 Stephen Curry

Non so come si possa fare a non amare Steph, è uno spettacolo vederlo giocare, specie dal vivo. A me è successo a Barcellona durante una partita del Dream Team e sono ancora in stato di shock. Illegale in vari paesi del mondo.

Kobe Bryant

Kobe Bryant

Il più forte giocatore degli ultimi dieci anni. Per me parlano gli anelli... senza offesa per LBJ.

Tag: hip hop sport

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    10 foto di Ghemon live al Biko