Premiata Forneria Marconi (PFM) - Milano, 12-05-1999 Intervista

12/05/1999 di

Ecco qui un ultraminiaturizzazione della lunga intervista con Franz Di Cioccio, batterista della PFM, front man e discografico, ora anche impegnato in politica a sostegno della campagna Cambia Musica dei Giovani Verdi.

L'intervista intera durava quasi due ore e si e' svolta a Radio Kristal 96.4 a Milano, all'interno del programma Nonsolometal, in onda il giovedi dalle 18.30 alle 19.30. In radio c'era Simone (DJ della Radio e chitarrista della metal band SKW), Pons di Rockit, Franz Di Cioccio e la moglie Iaia. L'intervista e' stata tagliata parecchio anche per necessita' tecniche di trasmissione nelle radio del circuito RadioRockit.



(sta finendo "Celebration" che poi sarebbe "E' Festa")


Kristal:oh, stavolta l'abbiamo sentita tutta.

Di Cioccio: con pure i due timpani alla fine.

Kristal:che poi non ho piu' sentito da nessun'altra parte.

Di Cioccio: per forza erano noleggiati! poi avevamo dei suoni tipo vvvvvffffiiioouuu (fa un suono con la bocca) questo e' un finto moog fatto con la bocca... (risate)

Kristal:pero', che roba! Bhe', hai nominato il moog, parlacene un po', pochi lo avevano e lo conoscevano in Italia.

Di Cioccio: il moog era uno strumento rivoluzionario, si trattava di oscillatori. Questi oscillatori formavano delle onde, onde quadre, sinusoidali... e combinando insieme questi tre oscillatori si avevano questi suoni.

Rockit: erano i primi suoni elettronici.

Di Cioccio: il primo primo primo. Il primo di questi suoni comparve, a parte nei dischi dei Beatles, dove venivano camuffatti, perche' un tempo non era come adesso, che appena uno fa qualcosa tipo gh-cia-u-ah (fa la batteria con la bocca) e dice l'ho fatto io, l'ho fatto con la bocca... bhe' ora piu' e' finto e smaccatamente personalizzato e piu' viene accolto come una figata, invece allora se il suono era finto era scandaloso. Il primo suono di moog vero e proprio apparve nell'album Good Vibrations dei Beach Boys... quello li' era un moog primordiale che usava un solo oscillatore, quindi aveva solo una nota.

Rockit: che anno era?

Di Cioccio: mmh.. era molto prima degli anni 70. Un primo moog fu usato sfacciatamente in Arancia Meccanica, con Walter Carlos...

Kristal:quando faceva la parte di Beethoven?

Di Cioccio: si, poi a livello popolare fu diffuso da Emerson con Lucky Man e poi qui in Italia noi PFM lo diffondemmo con Impressioni di Settembre.

Kristal:chi va a vedere la PFM dal vivo adesso vede anche uno strumento molto strano, australiano, giusto?

Di Cioccio: si e' un tronco scavato dalle formiche, corretto da Phil Drummy, lui ci soffia dentro e ottiene dei suoni bellissimi.

Rockit: parliamo un po' di Destinazione Neapolis, che e' invece una grande manifestazione musicale che si svolgera' a luglio a Napoli, all'interno del Neapolis Rock Festival. Il compito di Di Cioccio, con FermentiVivi e' stato quello di selezionare diverse band emergenti attraverso tre serate, una nel Nord Italia, una nel Sud e una nel Centro...

Di Cioccio: si. io insieme a Carlo Quinto Talamona, che e' il proprietario del Capri Digital Studios, abbiamo dato vita a questo progetto perche' vedevamo tanti concorsi che alla fine non approdavano a un granche'... ci sono molti concorsi che in quanto tali c'e' un primo, un secondo, un terzo e la frutta... e allora abbiamo detto "non facciamo un concorso, ma un manifesto musicale". Abbiamo fatto una fotografia dell'Italia rock a 360 gradi.

Kristal:tra l'altro con un'ottima opportunita' finale.

Di Cioccio: si perche' invece che promettere qualcosa con una sorta di meccanismo a girone dantesco, prima il quartiere, poi un po' piu' in la' e poi un po' piu' in la'... questo concorso e' stato una cosa immediata, tre serate, tre selezioni dirette. Il giorno 27 (maggio) suoneranno all' Alcatraz di Milano e poi finite le selezioni vanno direttamente a registrare i pezzi al Capri Digital Studios... e si ritrovano con gia' il disco in mano, che e' un sogno che molti ragazzi hanno.

Kristal:certo. Ma parliamo della tua candidatura.

Rockit: Franz e' il Batman di tutti gli appassionati di musica! (risate)

Di Cioccio: ebbene si... ah ah il batman! no vabbe'. Ho aderito alla campagna Cambia Musica che tu (rivolto a Pons di Rockit) conosci bene.

Rockit: si, e' una Campagna organizzata dai Giovani Verdi e che propone alcune cose importanti tra cui l'abbassamento dell'IVA sul cd...

Di Cioccio: ecco. si. per me partecipare a questa cosa e' stata un po' una sorpresa, perche' stavamo preparando il disco nuovo della PFM, pero' pensandoci bene, dopo aver partecipato a questi due seminari di Cambia Musica, la cosa mi ha veramente appassionato e allora da li' e' nato uno spunto interessante per capire come e' stata l'evoluzione in Italia. Per capire che la musica era un'onda che ha portato con le generazioni degli anni Settanta a dividere un sogno... che poi in parte si e' realizzato e in parte no, pero' la musica e' stata la vera cultura che ha portato quest'onda ad oggi. E allora e' interessante capire e cercare di mantenere viva quest'onda, che e' un elemento portante. Penso che la musica dovrebbe essere considerata cultura e non solamente svago...

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Top It 2017: i 20 dischi dell'anno secondo Rockit