Pornopilots - Padova, 07-01-2004 Intervista

07/01/2004 di

I Pornopilots vengono da Limena, provincia industriale di Padova. Giovanissimi, propongono un energico brit pop sulla scia degli Oasis. Hanno sviluppato una speciale sodalizio live con gli Orange, la band di Francesco Mandelli, il “Nongiovane” di Mtv. Venerdì 9 gennaio suonano al Magic Bus di Marcon (Ve) per Magic Rockit, l’appendice veneziana di RockitEyes!



Cosa significa il vostro nome? Perché lo avete scelto?
Non ha nessun significato particolare. Si stava cercando un nome e una sera Ivan (voce) arriva con questo. Il "pilots" può dipendere dal fatto che in quel periodo si ascoltavano anche gli Stone Temple Pilots, ma in realtà non c'è un vero perché. Semplicemente suonava bene ed in seguito ci siamo accorti che rimaneva molto "in testa", la gente se lo ricorda facilmente.

Cosa c’è del vostro nome nella vostra musica?
Alla luce della risposta precedente assolutamente niente. Anche se, in un certo senso, ci è piaciuto tenerlo anche per un certo spirito di irriverenza che a volte ci contraddistingue, e contro chi ci ha sempre consigliato di cambiarlo per motivi di convenienza.

Quali sono le difficoltà che incontra una giovane band che fa la vostra musica nel vostro territorio?
Non conosciamo molte altre realtà, sinceramente. Lo scoglio più grosso che incontriamo è la difficoltà di suonare nei locali se sei una band che propone solo musica propria. I gestori non vogliono rischiare e te lo dicono senza mezzi termini, anche se gli piaci. Nella nostra zona ci sono un sacco di band che fanno buona musica, ma vengono sempre privilegiate quelle che fanno cover. Non abbiamo nulla contro di loro, ci mancherebbe, ma non ci sarà mai una vera cultura musicale se non si dà spazio anche a chi si sbatte per proporre musica originale di qualità.

Quali sono i vantaggi, invece, di vivere nella vostra zona, per far musica.
Notiamo come ci sia sempre più gente che apprezza la musica dal vivo. E' un buon segno. Come è un buon segno il fatto che ormai sono molti i gruppi che suonano e fanno musica propria, nonostante le difficoltà e la mancanza di strutture adeguate dove provare ed esibirsi.

Tre dischi stranieri e tre italiani da portare nell’isola deserta.
Abbiamo dei gusti molto diversi tra di noi, quindi è difficile fare una scelta comune. Tuttavia si potrebbe dire:
STRANIERI:
1- BEATLES - REVOLVER
2- PEARL JAM - TEN
3- KULA SHAKER - PEASANTS, PIGS & ASTRONAUTS

ITALIANI:
1- MORGAN - CANZONI DELL'APPARTAMENTO
2- NEGRITA - NEGRITA
3- AFTERHOURS - HAI PAURA DEL BUIO?

Un disco straniero e uno italiano da buttare nel cassonetto.
Più che i dischi, noi butteremmo proprio i seguenti artisti:
STRANIERO: STROKES
ITALIANO: NICCOLO' FABI

Musicalmente da che parte state: Inghilterra o Stati Uniti? O altro?
Pendiamo decisamente verso l'Inghilterra, e probabilmente si sente anche dal sound che esprimiamo. A partire dai Beatles fino ad arrivare ad artisti più recenti, come gli Oasis. Ovviamente ci sono anche artisti sia statunitensi che italiani che seguiamo e che in qualche modo ci influenzano.

Un buon motivo per venirvi a vedere dal vivo.
A noi piace tantissimo suonare dal vivo. Ogni concerto per noi è sempre una festa e, se l'occasione lo permette, ogni tanto c'è sempre spazio per gli amici o qualche ospite dai vari gruppi amici che ci seguono e che seguiamo. Ormai sono diventati una piacevole consuetudine gli interventi dei fedelissimi del "PornoStaff", che con le loro presentazioni e sortite animano alcuni momenti delle nostre esibizioni.

Ah, nota non trascurabile: c'è sempre parecchia gnocca!

La più bella serata della vostra vita di musicisti.
Suonare al Magic Bus di Marcon (VE) è sempre "magico"... si respira veramente aria di rock&roll, si calca una scena su cui sono passati artisti famosi, da cui hai magari tratto ispirazione.

Questo è un mondo difficile perché…
... il secondo album è sempre il più difficile...

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati