Subsonica - Rimini - Tora! Tora! Festival, 10-06-2001 Intervista

12/06/2001 di Roberta Accettulli

I Subsonica ho sempre avuto la fortuna di incontrarli vicino al mare, che bello. Questa volta siamo sulla sabbia di Rimini, dove la band torinese si esibirà come headliner alla prima serata del Tora! Tora! Festival. E proprio di questo festival parliamo con Samuel e Boosta.

Dal Tora! Tora! Festival:

Il cast

Le interviste:
Manuel Agnelli
Subsonica
Mao
Marlene Kuntz
Estra
Verdena
Modena City Ramblers
Cristina Donà
Bluvertigo

I concerti:
Rimini
Padova
Torino
Roma

Le scalette:
Rimini
Padova
Torino
Roma

Dopo il Tora! Tora:
I commenti di Manuel Agnelli



Rockit: A due anni dal nostro ultimo incontro, l'altra volta eravamo sul mare a Lecce, stavolta siamo a Rimini...

SAMUEL: ...sempre sul mare!

Rockit: Sempre sul mare... Per fortuna! Siamo qui per un evento un pò diverso dai soliti, ossia il primo appuntamento con il Tora! Tora! Festival, un evento che ha degli scopi ben precisi...

SAMUEL: Sì... Sicuramente mettere in evidenza un sottobosco musicale che è molto vivo, che c'è, e che tra l'altro è la fucina della cultura futura musicale, quindi un pochino vuole mettere in risalto, vuole portare alla ribalta quella che è la musica un pò più vissuta, un pò più 'sofferta' in Italia, soprattutto in un momento come questo in cui la musica che passa per radio ed in televisione è sempre molto patinata, è sempre una musica costruita a tavolino per vendere dischi...

Rockit: Inizialmente questo festival doveva avere luogo due anni fa, ma ci sono stati vari problemi, burocratici e non, che hanno bloccato la cosa. Ora, finalmente è arrivato il momento. Cosa vi aspettate?

BOOSTA: Ci aspettiamo semplicemente quello che pensiamo, anzi che avverrà, cioè il fatto che comunque questo festival sarà la dimostrazione che un sacco di gruppi che fanno alla fine l'Italia dei concerti live molte volte fanno tanto più pubblico di tante band ed artisti che passano nelle radio, ormai sempre più sterili. E quindi speriamo e crediamo che l'affluenza della gente dimosterà il fatto che alla fine il pubblico c'è, perchè comunque i ragazzi che vanno ai concerti non sono quelli che guardano la TV ed ascoltano la radio, che ormai offre sempre meno.

SAMUEL: E poi ci aspettiamo di divertirci, fondamentalmente... (ride - ndi)

Rockit: Soprattutto! I presupposti ci sono, se ci fosse meno vento magari...

SAMUEL: Poi quando fai dei concerti con altri gruppi non è vissuto come il tuo concerto, in maniera anche un pò 'stressante', perchè comunque devi portare uno spettacolo un pò più lungo, anche faticoso dal punto di vista fisico. E' molto più divertente, più rilassante, e poi c'è la possibilità di fare delle belle serate con gli altro gruppi che sono qua... Ci si diverte sempre molto!!!

Rockit: Questa è anche la dimostrazione che non è vero, o almeno è vero solo in parte, che in Italia ci siano delle lotte intestine tra i gruppi...

SAMUEL: Ma no, dipende... Magari i 99 Posse odiano Spagna e Spagna odia i Subsonica, via! Però io penso che i gruppi all'interno di uno stesso mondo musicale, che hanno vissuto le stesse cose dal punto di vista del prendere ed iniziare a vivere sulla propria pelle la musica non abbiano assolutamente alcun tipo di problema.

Rockit: Parliamo adesso dei Subsonica... Prima Max mi raccontava che siete al lavoro per quelo che sarà il vostro terzo album. Ve la state prendendo, giustamente, un pò comoda...

SAMUEL: Sì, ce la stiamo prendeno comoda per una serie di motivi. Un motivo è che il terzo disco è un disco 'importante', un altro motivo è che non ce l'eravamo mai presa comoda fino ad adesso (ridiamo - ndi), ora che abbiamo forse la possibilità di prenderci questo breve tempo in più lo facciamo. Comunque siamo in studio, abbiamo già quasi un 70% del disco quasi fatto, e vedremo cosa succede...

Rockit: Che direzione sta prendendo questo disco?

BOOSTA: Sta entrando nella tangenziale dell'evoluzione di quelli che erano stati gli altri due, nel senso che comunque noi abbiamo sempre avuto come fermo punto di riferimento tutta la scena dei DJ e della Club Culture, e sotto questo punto di vista siamo un gruppo anomalo, perchè noi ci rifacciamo ad altre realtà come possono essere band che si rifanno alle band, ma appunto noi siamo una band molto attenta al suono dei club ed al suono del cubo. E quindi semplicemente stiamo cercando di metabolizzare ancora di più questo linguaggio, per riproporlo noi, che comunque siamo dei musicisti, in maniera differente, ma con la stessa attitudine, quella che puoi avere tu quando vai in un club a ballare della musica.

Rockit: Mi hanno anche detto che ci sono più chitarre acustiche in questo disco!

SAMUEL: Siamo diventati un pò più fricchettoni! (ridiamo - ndi).

BOOSTA: Perchè abbiamo capito che non si può andare in spiaggia col campionatore a limonare! (esplodono le risate - ndi).

Rockit: Quindi sarà il disco per il falò di Ferragosto questo!

SAMUEL: Non c'è più nient'altro da aggiungere...

Rockit: Bene, ed allora io non vi domando altro!

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati