My Awesome Mixtape - Telefonica, 04-09-2007 Intervista

06/11/2007 di

(Maolo - Foto di Giulia Mazza)

Maolo Torreggiani ha 21 anni, è la testa dei My Awesome Mixtape. Riguardo al suo primo full lenght - “My lonely and sad Waterloo” (Amico Immaginario/My Honey) - si è discusso parecchio. C'è chi si è accanito dicendo che è famoso solo per le solite amicizie importanti, chi ha visto in lui un talento tutto da coltivare. Sandro Giorello l'ha intervistato.



“My lonely and sad Waterloo”, perchè un titolo così triste?
Perchè è un concept album sulle sconfitte e le delusioni. Non è tanto incentrato sulla sconfitta in sé quanto sul suo stereotipo e la battaglia di Waterloo può essere un esempio perfetto: è la sconfitta per eccellenza.

Una sorta di elogio della sconfitta quindi…
Diciamo di si, si intona al mio umore dopo aver letto le prime recensioni comparse sui giornali (ride, NdA).

Parli di tue sconfitte personali?
Assolutamente si. Sono sconfitte legate ad esperienze del tutto comuni: i problemi in campo sentimentale. In realtà non si parla semplicemente di vicende amorose andate male: parlo di un determinato periodo, durato tre anni, in cui sono successe svariate cose e in cui mi è stato tolto molto. E’ una sorta di summa adolescenziale: da quando inizi a capire che la vita ti toglie delle cose a quando trovi il modo di barcamenarti per riuscire a stare un meglio.

Questo apparire come un Geek anni ‘90 è voluto?
Cioè secondo te appaio come una persona sfigata?

Un po’ si. La montatura spessa, il maglioncino della nonna, non puoi negare che rappresenti bene un certo stereotipo dell’indie rock.
Non è voluto, anche perchè questi occhiali li ho da sempre. Mi piace la montatura, non ho mai voluto cambiarla e non sopporto le lenti a contatto. La tristezza del disco, in realtà, non c'entra assolutamente niente con l’immaginario dei My Awesome Mixtape. Inizialmente abbiamo voluto puntare ad avere un’immagine estetica precisa ma “My lonely...” si distanzia parecchio da quell’immagine. Prima eravamo più allegri. Adesso abbiamo posto tutto in una chiave diversa.

Ci sono delle figure che ti hanno ispirato?
Ho riferimenti musicali e letterari. “Francis Turner”, la quarta traccia del disco, è una citazione tratta dall’“Antologia di Spoon River” di Edgar Lee Masters. “Francis Turner” è la poesia del ragazzo malato di cuore, quello che muore dopo aver dato il suo primo bacio. Molte altre citazioni provengono da Carver. Una cosa che non ha mai saputo nessuno è che in “Giant Squid” (presente sul precedente Ep “Songs of Sadness, Songs of happiness”, NdR) c’è una sua citazione, quando dice: “quando ti trovi nel bel mezzo della tempesta non gettare via tutto in mare”. Dal punto di vista musicale ho sempre ascoltato roba dell’Anticon e i dischi dei Postal Service ma mi sento di affermare, magari sbagliando, che l’album prenda spunto da un certo tipo di canzone popolare, slegata dalla musica elettronica e dalla scena dei Clouddead, dei Postal Service e dei Death Cab For Cutie. Anche perchè loro rappresentano tutto un altro tipo di immaginario, loro sono veramente Geek.

Cosa intendi per “canzone popolare”?
Non voglio dire che i mie pezzi siano obbligati a seguire la “canonica forma canzone” ma voglio che ogni brano abbia una struttura ben precisa. Ad esempio: non c’è mai un ritornello che si ripete, è un continuo assemblarsi di parti diverse. Un brano che rappresenta bene questo modo di scrivere è “Silently April Left Us Without A Kiss”, la traccia che chiude il disco. E’ fatta di momenti: ci sono delle parti molto orecchiabili ma anche molto brevi, la canzone cambia velocemente. Mi piace considerare le mie canzoni come delle istantanee, delle polaroid. Per questo non ci metto mai più di un paio d’ore per scrivere un pezzo. E’ il mio obbiettivo: rappresentare l’emozione che provo in quel preciso momento e poi passare ad altro.

Questo disco l’hai fatto tutto da solo?
E’ stato registrato interamente a casa mia. Per gli arrangiamenti mi ha aiutato Andrea “Sollo” Sologni, il fonico dei Giardini di Mirò. Siamo stati una ventina di giorni a Correggio, nella sua salaprove. Abbiamo ascoltato i pezzi, aggiunto delle tastiere e registrato altre cose. E’ capitato che alcuni amici siano passati ad ascoltare e abbiano contribuito registrando delle parti in più. E’ successo con Jukka e Mirko dei Giardini e con Jonathan dei Settlefish. Per la maggiorparte delle volte, però, si è trattato di collaborazioni casuali. Non erano premeditate. Jonathan, ad esempio, ha rappato. Non l’ha mai fatto con i Settlefish.

Come digerisci le critiche che vi accusano di aver fatto strada solo grazie al fatto che tuo fratello è nei Settlefish (Maolo è fratello di Emilio, chitarra dei Settlefish, NdR) o perchè sei amico con i Giardini di Mirò?
Non le digerisco, non mi interessano proprio. Non è colpa mia se sono fratello di mio fratello. Molte parti di chitarra le ha suonate Emilio per il semplice motivo che ci vivo insieme ed è stato semplice fargliele fare. Quando ascolterai il nuovo disco dei Settlefish ci troverai delle mie cose. Inoltre io e Jonathan siamo cresciuti insieme, lui mi ha dato lezioni di inglese quando avevo 16 anni. Jukka e gli altri Giardini di Mirò li ho conosciuti perchè da tempo sono molto amico di Sollo. Sono amicizie che si sono instaurate nel tempo. Sono persone che hanno voluto collaborare, non li ho pagati.

Ma ti da fastidio?
Assolutamente no, per me potrebbero chiamarci il “gruppo del fratello dei Settlefish” come se fossi il fratello di tutti e cinque. Come tu ben sai, non ho mai fatto un concerto come spalla ai Settlefish e non ho mai avuto delle facilitazioni. L’unica fortuna è stata quella di nascere in un determinato contesto: non è semplicemente la scena indie bolognese, è la stessa Bologna. C’è una tradizione musicale che ti trasmette un approccio e un modo di fare che ormai si sono consolidati nel tempo. Bologna ha sempre avuto una scena forte, nascere qui ti mette da subito a contatto con un background più profondo. E poi, se davvero avessi ricevuto tutti questi “favori”, sarei uscito per altre etichette, molto più grandi di quella per cui esco adesso. Sarei uscito per Unhip, non sono uscito per Unhip.

Com’è il tuo rapporto con la stampa musicale?
E’ molto tranquillo. Adesso seguo più internet. Ho conosciuto e sperimentato il mezzo Myspace, mi è servito molto. E’ un mezzo che aiuta moltissimo i gruppi a farsi conoscere: i primi concerti li ho trovati grazie a Myspace. Mi piacciono molto i blog e i forum. Purtroppo siamo in Italia, ogni volta che nasce un progetto nuovo, subito ci si scaglia contro senza nemmeno conoscerlo. Sembra che l’invidia sia insita nella nostra natura. Ti faccio un altro esempio: quante persone hanno detto che Beatrice Antolini suona in giro solo perchè è imbazzata con il cantante dei Jennifer Gentle. Non sono critiche quelle, non le considero nemmeno. Se mi facessero critiche più ragionate del tipo “trovo la tua musica molto banale perchè gira su accordi triti e ritriti”, io gli darei ragione, in realtà è vero, sono sempre i soliti tre accordi. Ritornando alla tua domanda: i giornali li leggo ma non tantissimo. Rumore lo leggevo parecchio tempo fa, anche Blow Up. Adesso mi interessano meno.

E com’è il raporto con la tua band?
La nostra è una formazione che ha avuto molti cambiamenti. Ogni volta che è entrato un membro nuovo ha apportato delle modifiche. Da settembre la formazione è fissa. Anche per avere più l’immagine di un gruppo rispetto a quella di un solista con la band a seguito. Anche perchè non mi reputo un capo troppo carismatico.

A prescindere dal carisma, sei un capo che da ordini precisi al suo gruppo?
Io non detto legge sulle questioni riguardanti la musica ma voglio che questo progetto vada avanti bene. Ogni cosa che ci accade non è mai un punto di arrivo, è sempre una partenza da cui pretendere di più. Con tutte le persone del gruppo c’è questa sorta di accordo: siamo tutti uniti perchè il progetto vada avanti, lavorandoci a tempo pieno. In alcune cose sono assolutamente pignolo, ad esempio: nel trovare le date o nell’avere un’immagine mediatica ben precisa. Ci tengo che la cosa cresca e diventi sempre più grande. Me ne rendo conto solo adesso: in soli otto mesi siamo cresciuti tantissimo, per una band italiana non è male.

Com’è dover dare ordini a tuo fratello?
Non gli posso dare ordini (ride, NdA). E’ sempre andata così: “ti faccio sentire questo pezzo, ti va di trovarmi una parte?” Oppure: “ti va di venire a suonare con noi per questo concerto?”

Cosa si impara facendo molte date dal vivo?
Si impara che bisogna essere molto organizzati: solitamente i gestori dei locali pensano che le band italiane siano solo capaci di fare richieste inutili e lamentarsi. Noi stiamo provando ad essere autonomi e il più professionali possibile. Abbiamo imparato che bisogna sempre partire con calma, in anticipo rispetto agli orari prefissati. E poi suonare tanto serve a tenere coeso il gruppo, oltre a farti conoscere una marea di persone nuove. Conoscere tanta gente è sempre molto bello.

Cos’è questa insofferenza verso le band italiane?
Mah… ho molti amici stranieri che suonano. Siamo lontani anni luce da loro. Hanno un’attitudine che non può essere minimamente paragonata alla nostra. Per questo quando mi dicono che siamo un progetto “esportabile”, io dubito seriamente che sia vero. Proprio perchè ho conosciuto dei ragazzi svedesi miei coetanei, o anche più piccoli di me, che hanno già dei gruppi formidabili. Ho ospitato a casa mia per parecchio tempo il chitarrista dei Mixtapes & Cellmates: ogni giorno rimanevo stupito dalla naturalezza con cui componeva pezzi bellissimi. Ma che sia chiaro: anche in Italia abbiamo gruppi assolutamente validi. Mi piacciono tantissimo Musica da Cucina - lo adoro - e Le luci della centrale elettrica.

Ma da grande cosa farai?
E’ una domanda che mi fanno tutti: rispondo che vorrei fare il cuoco ma non mi crede mai nessuno. La cucina è una mia grandissima passione: ho fatto il cuoco a domicilio e ho lavorato in un ristorante di cucina innovativa. Molto probabilmente se non andrà in porto qualcosa di concreto con la musica mi rimetterò a cucinare. E’ l’unica cosa per cui mi sento veramente portato.

Hai 21 anni e hai già le idee molto chiare. Da dove arriva tutta questa determinazione?
E’ colpa/merito della mia pignoleria. Per questo “My Lonely…” è molto personale: in questi anni ho capito che, per me, la determinazione è essenziale. E’ l’unica cosa che mi fa stare bene. Bisogna avere degli scopi e seguirli a tutti costi. Ovviamente queste cose ti devono piacere: più una cosa ti piace più fai di tutto per vederla concretizzata. La musica è una di queste, è assolutamente creativa. Quando porti a termine un progetto ti senti potente, ti senti di aver creato qualcosa. E’ un pensiero molto filosofico, lo associo a Platone. Nel “Simposio”, ad un certo punto, Socrate dice che l’amore più grande è quello che viene eternizzato dall’oggetto creato. E’ più grande per qualsiasi amore provato per un fanciullo. E’ quello che conta, quello che puoi lasciare agli altri. Non vorrei entrare in cose troppo epiche, ma per me è così. Sono determinato perché voglio essere comunicativo, ci tengo che alcune cose siano trasmesse. E io riesco a comunicare solo con la musica o con la cucina.

E’ verò che hai già pronto il disco del 2008?
Ci sto lavorando, ho già trovato un titolo, sarà un altro concept, sarà diverso da questo, sarà meno melenso, non c'entreranno più le mie esperienze personali. Ho già dei pezzi ma devo fare una cernita e comporne dei nuovi.

Commenti (29)

Carica commenti più vecchi
  • livere 08/11/2007 ore 13:14 @livere

    sì ste, ma lo sai che sono all'antica. io mi emoziono per thrasher di neil young. dei cuoricini di stoffa non me ne frega un cazzo.
    e pure tu: cos'è 'sto "noi". al limite ci guadagna lui!

  • Stefano "Acty" Rocco 08/11/2007 ore 13:26 @acty

    nel 2007... se qualcuno scrive belle canzoni ci guadagna soprattutto la gente (noi)... che vuoi che guadagni ormai un musicista.
    ...è che... tu... non sei giovane come... noi :)



  • livere 08/11/2007 ore 13:32 @livere

    ah beh.. io ascolto ancora i pink floyd, figurati quanto sono vecchio

  • seymour 08/11/2007 ore 15:19 @seymour

    che dire.
    IDOLO.
    trovo più utile questo commento di tutti gli altri.
    se ti piacciono MAM compra il DISCO con i SOLDI.

  • Sandro Giorello 08/11/2007 ore 15:51 @sandro

    Grazie mille, in effetti ho fatto tutto un po' troppo di corsa e mi è sfuggito.



Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati