Johnny Marsiglia & Big Joe raccontano in anteprima il nuovo “Fantastica Illusione” Intervista

Il prossimo 18 marzo esce per Unlimited struggle un disco molto atteso, Fantastica Illusione di Johnny Marsiglia & Big Joe. Ce lo raccontano in anteprimaIl prossimo 18 marzo esce per Unlimited struggle un disco molto atteso, Fantastica Illusione di Johnny Marsiglia & Big Joe. Ce lo raccontano in anteprima
06/03/2014 di Maria Claudia Nuccetelli

Il prossimo 18 marzo esce per Unlimited struggle un disco molto atteso, Fantastica Illusione di Johnny Marsiglia & Big Joe. Ce lo raccontano in anteprima. 

Introduci “Fantastica Illusione”.
Abbiamo concepito il disco lavorando insieme in studio. E' stato un flusso di coscienza che ci ha portato a trattare i temi dei rapporti personali, delle esperienze di vita e di quello che ci è successo nell’ultimo anno. Alcuni pezzi sono molto introspettivi, diciamo.

Cosa ci puoi anticipare per quanto riguarda le produzioni?
Ci siamo sempre ispirati alla musica che ci piace, indipendentemente dal tipo di rap che può andare per la maggiore o no. Nel disco abbiamo spaziato molto ma lasciando comunque un filo conduttore nelle sonorità di tutte le basi. Magari alcuni pezzi nella scelta del campione o dai giri della batteria possono ricordare gli anni 90 ma sono perfettamente integrati con suoni nuovi.

“Fantastica Illusione” è un ossimoro.
Con il titolo volevamo creare un contrasto con un aggettivo positivo davanti alla parola illusione, visto che suona sempre un po’ dispregiativa. Si riferisce anche ad alcune paure che si ha, visto che appunto il disco parla molto di esperienze personali, poi in Italia ora c’è molta attenzione intorno alla musica rap e un po’ tutti ci chiediamo quanto durerà questa situazione o se è solo una moda passeggera.

E oltre alla musica il titolo può rispecchiare una certa situazione sociale?
Oltre a fare rap, di mestiere faccio anche l’operaio, quindi so cosa significa e so quello che sta succedendo in giro, anche a livello "lavorativo", se vogliamo dirla così. E' una situazione che descrivo anche nel disco.
Noi la viviamo come l’abbiamo sempre vissuta, cercando di fare il nostro, di far andare al meglio le cose. In alcuni momenti nel disco si può sentire del “pessimismo” (sottolinea la parola, NdA) puoi considerarlo uno sfogo, ma c'è anche l'altra faccia della medaglia. Bisogna rialzarsi, guardare avanti e sperare in meglio, non ci si può sempre lamentare, è ormai un'attitudine fin troppo comune. Io spero che con la nostra musica si possa percepire una certa positività, ecco. Un messaggio positivo.

Il rap in tre parole?
Fuga - Soddisfazioni - Creatività.

Le prime mosse per promuovere il disco quali sono?
Il 18 esce e, come il precedente “Orgoglio” è targato Unlimited Struggle. La sera del 18 stesso lo presentiamo a Milano, al al Par5, e il giorno dopo saremo a Bologna al Rakal Shop. Se ci seguite sulle nostre pagine ufficiali dei vari social troverete tutti le informazioni e gli aggiornamenti sia sugli in store, sia sulle serate.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Wilma De Angelis canta "Non è per sempre" degli Afterhours