E' una violenta pulsione tribale quella che i Tavernicoli riversano nel loro folk psichedelico. Un assalto di chitarre acustiche e percussioni così violente da donare irruenza rock ad una musica che succhia la propria ispirazione dalla forma canzone etnica, ma la ricostruisce in ambientazioni schizofreniche e claustrofobiche.Per dimostrare che si può affrontare con originalità anche la tradizione. Nel luglio del 2006 ad Arezzo Wave Love Festival. Selezionati tra gli 5 finalisti del Premio TOAST 2006 per la ricerca creativa al MEI 2006 e MEI 2007