Ivano Fossati - Vento caldo testo lyric

TESTO

L'acqua più è vicina al porto e più sporca è
nero fazzoletto di mare tra i miei sogni e me
il sole mi ha bruciato gli occhi che sorrideravo
in mezzo a tanto sale il mio pane si è fatto amaro.

Le mie mani con il tempo ormai son diventate reti
navigando tra tempeste di silenzi e di lontani echi
quando penso che potrei star meglio mi dico che
l'uomo più è vicino al dolore e più giusto è.

Vento caldo porta tempesta
vento caldo
vento caldo porta tempesta
vento caldo
vento caldo porta tempesta
vento caldo
vento caldo porta tempesta
vento caldo.

E di notte qualche volta il mare mi fa paura
quando seguo il mattino sulla via di una rotta scura
mentre guardo le luci della costa a volte penso che
l'uomo più è lontano dagli altri e più è vicino a sè.

Anche oggi mentre il mare si riprende il poco che mi ha dato
la mia barca su uno scoglio come un uomo dal cuore squarciato
mentre il pianto brucia dentro la mia mente sto pensando che
l'uomo più è vicino al dolore e più giusto è.

Vento caldo porta tempesta
vento caldo
vento caldo porta tempesta
vento caldo
vento caldo porta tempesta
vento caldo
vento caldo porta tempesta
vento caldo.

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Vento caldo si trova nell'album Il grande mare che avremmo traversato uscito nel 1972 per Fonit-Cetra.

Copertina dell'album Il grande mare che avremmo traversato, di Ivano Fossati
Copertina dell'album Il grande mare che avremmo traversato, di Ivano Fossati

---
L'articolo Ivano Fossati - Vento caldo testo lyric di Ivano Fossati è apparso su Rockit.it il 2020-05-19 19:12:37

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia