Il mio omonimo progetto cantautorale/sperimentale nasce nel 2005 con il primo disco: “Metamorfosi”, cd autoprodotto e autodistribuito che è stato recensito in modo positivo nei principali portali e dalle più conosciute testate giornalistiche, fra queste: Rockit, Rumore, Rockerilla, Blow up, Ondarock, Indie for bunnies, Indiepop, Lost Highways, Rocklab, la Scena, Ondalternativa, Impatto sonoro.
“Metamorfosi” sul quotidiano veronese “l’Arena” viene recensito nei migliori 10 dischi veronesi del 2005 e “Hai Ragione tu” viene decretata la migliore canzone veronese del 2005.
Nel 2006 ho fatto un breve tour nel Veneto per presentare il cd e mi è capitato di suonare con alcune band conosciute: Bugo, Dente, Ettore Giuradei, Ex- Otago, Pan del Diavolo, Canadians, Home, Rosolina Mar e Red Worms’ Farm.
Nel 2007 ho partecipato con la cover “Vegetable Man” di Syd Barrett alla compilation “Vegetable Man volume 4” dell’etichetta “Oggetti Volanti” di Dario Antonetti.
Nel 2008 registro “Bianco & nero” composto da canzoni del cd precedente registrate in modo più maturo e compatto, e da pezzi inediti.
Nel 2011 compongo il concept album “l’Estetica del Lavoro” trainato dai precedenti singoli “Mc Donald’s” e “Concorso Comunale” e compongo le musiche per il cortometraggio "Skin" di Alessandro Stefani.
Il 3 Luglio 2012 termino Ingegneria del Suono (108/110) ed ora lavoro come sound designer per cartoni animati (Winx, Cuccioli, Topo Tip, Expo Show) e compongo musica per video pubblicitari e installazioni artistiche.
Su www.jacopogobber.it è possibile vedere alcuni miei lavori.
Nel 2013 è uscito per l’etichetta Drummond “Black ink Squid” album del progetto “Squid to Squeeze” dove suono neo-psichedelia e shoegaze in solitaria, accompagnato solo da loopstation, moog sub phatty, roland 808 e bouzuki.
Da Ottobre 2013 ho iniziato ad insegnare al CSM College per i corsi “Acoustics for Musicians” e “Sound Creation and Manipulation” del BTEC Extended Diploma in Music Technology.
Nel 2014 ho iniziato a comporre un nuovo disco cantautorale/ sperimentale: “Accalappiacani”.