I Tyme of Youthe hanno una storia un po' particolare... Alcuni dei componenti sono i reduci di quello che fu il "Consorzio Gitanes", esperimento di musica moderna riarrangiata in versione acustica miscelata alla musica tradizionale napoletana. Dopo pochissimi mesi i "Gitanes" si sciolgono e i due chitarristi Anna Elena e Giuseppe, assieme alla corista Emilia, decidono di ritrovarsi per lavorare ad un progetto tutto nuovo. L'idea è quella di metter su una band che proponga musica medioevale/rinascimentale e, tra le tante, faccia spiccare alcune composizioni del grande Re d'Inghilterra Henry VIII. Nascono così i "Court Jesters", gruppo che in principio doveva suonare in versione metal ma che infine è ritornato sull'esperienza unplugged dei "Gitanes". I tre consolidano tale progetto con la chiamata di Fabio De Rogatis al basso, una solida sezione di tamburi e batterie, a cure del Maestro Leo Ingegno, ed una corista. Il nuovo esperimento sembra proseguire bene, anche se le serate sono scarse e la mancanza di un demo attivo si fa sentire. Dopo qualche mese i problemi, che dapprima sembravano insulsi, si fanno sempre più vivi e i "Court Jesters" si scioglgono; dalle ceneri di questi nascono i Tyme of Youthe, che prendono il nome da una bellissima canzone scritta e composta dal grande Henry Tudor, l'ottavo d'Inghilterra. L'intento è sempre lo stesso: proporre la musica medioevale/rinascimentale e trattare quind i secoli che vanno dal XIII al XVII (Era Elisabettiana). Non si disdegna di comporre inediti, costruiti sia su poesie di alcuni dei più importanti esponenti di queste epoche, e quindi solo musicati, sia scrivendo da zero musiche e liriche. La composizione e l'arrangiamento è quasi del tutto nelle mani dei chitarristi Anna Elena e Giuseppe che insieme stanno veramente dimostrando di saper fare della bella musica. Tra le tante ci piace ricordare anche il nostro accanimento nel suonare travestiti come persone delle epoche da noi trattate; lo show è la nostra più grande arma. Speriamo in un gradimento da parte del pubblico che avrà il piacere di ascoltarci e/o vederci. STAY MEDIAEVAL!!!