I KamchatKa! nascono dalle ceneri di un vulcano inesploso per la troppa sensibilità delle loro non mediate doti artistiche. Si stabilizzano nel ventre del desiderio della generazione spaziale, credendo di trovarvi la Risposta. Ma non è nella loro biografia che si può trovare chiarezza per attimi di cosmogenetica insulsa. Durante tali attimi irrecitati, la Band si è trovata a specchiarsi con se stessa, rispondendo alle esigenze più interiori. Dopo di ciò ha deciso di esteriorizzare il proprio pensiero rumoristico, associandolo all’ipotesi melodica, ma si è sottratta ai dogmi della consapevolezza artistica. Al di là delle coordinate un po’ disomogenee nelle quali si sono orientati, i 3 continuano nella delicata opera tesa a rivoluzionare la propria concezione della musica (tradotto: suonare del sano fottuto rock’n’roll). A voi il giudizio finale...