Lame a foglia d'oltremare - Testo Lyrics George Gray

Descrizione George Gray

Una poesia riadattata e tradotta in sardo di Edgar Lee Masters, tratta da L'antologia di Spoon River. Un uomo legge e interpreta il dipinto scolpito sulla sua lapide: una vela ammainata in un porto. L'immagine di una vita segnata dal timore, un'eterna fuga dal dolore, dagli amori e dalle ambizioni. Da morto, l’uomo scopre di non aver mai vissuto veramente.
La musica attinge dalla tradizione popolare africana e sud americana. L’accompagnamento e il finale tutto percussivo è dell’ensemble di percussioni brasiliane Marakatimba.

Testo della canzone

GEORGE GRAY

Masters, Deidda, Lepori, Coda

Meda otas apu avetiu
Sa pintura mia in sa losa,
Febas arregotas de una braca
Ororu 'e sa terra

Ca s'amori m'iat arriciu
O candu iat pichiau
S'enna mia su prantu,
Timiu e biviu cuau

Callighisiat su entu,
Ispraghi cussas febas!

Vida mia allacanada
Bagadiu apentzamentu
Una braca cantepari
Chi timìat su mari


TRADUZIONE

Molte volte ho osservato
Il dipinto sulla mia lapide,
Vele ammainate di una barca
Vicino alla riva

Per l’amore che mi si offrì
E per tutte le volte che ha bussato
Alla mia porta il dolore,
Temevo e vivevo in disparte

Qualunque sia il vento che spira,
Alza quelle vele!

Vita mia sfinita
Sterile inquietudine,
Come una barca
Che temeva il mare

Album che contiene George Gray

album Panem, binu et circenses - Lame a foglia d'oltremarePanem, binu et circenses
2012 - Rock, Indie, Etnico
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati