Lame a foglia d'oltremare - Testo Lyrics Pulcinella

Descrizione Pulcinella

Ispirato da un monologo di Eduardo De Filippo nel film Ferdinando I, Re di Napoli, la maschera napoletana si rivolge agli umili e agli oppressi. Pulcinella esorta il popolo alla ribellione. Nella simbologia del brano emerge anche un contributo della tradizione orale sarda, già utilizzato da Maria Lai: come un deus ex machina, un lungo nastro azzurro portatore di pace e uguaglianza, può dare la salvezza a un popolo stanco di soffrire e lottare.
L’esortazione viene anche da Alessio “Su Maistu” Mura e Andrea “Lepa” Mura dei Balentia, che ci regalano versi ricchi di energia.

Testo della canzone

PULCINELLA
Deidda, Mura, Lepori

M'eis cannottu? Ueué! Chi seu?
Ueué! Chi seu?
Seu Pulcinella! Bengiu de s'atru mundu

Santu Pedru, sempri siat lodau,
M'at dimandau:
Poita sa genti tua sunfrit is ingiustissias?

Issu a iscusi m'at nau de si nai
A si ribellai!
Tanti Deus si onat a totus unu aprigu in paradisu

A unu talli chi no si fiat ribellau
Deus, spantau,
Bai a s'inferru dd'at nau, ca poita ses tontu!

Ahi! Maronna Marunnella!
C'amm a fà Pulecenella?
Pilloneddu boa
Si su procu acioat!
Aggio visto 'nu surdato
Cu 'nu fucile puntato!

In mesu a ludu, pruinu e terra
Sannora Gherra
Aggiagarada de su soi t'ant a bì imbruscinendi

Longus frocus drochinus
In su caminu
Currint coment'e su niau lebiu in crabetura

Scida su sonnu, nara de aici
Est sa manera de dda podi binci
Su frori in sa manu ca a foti as a stringi
Sa paxi unu fueddu chi luegu as a liggi

Sa brulla tenit sempri una arexina
Sa lotta, oh sa genti, est sa mexina
Ma chi lotta obeis chi siat po sa vida
Ca apabas si incarat onnia dì sa rovina

Atziai sa conca, castiai prus in atu
Su bentu est suendi e immù dd'oit fatu
Cicai de cumprendi ita ddu est mein su pratu
Sa paxi est giustitzia, s'amori est baratu

Satai su muru po lompi ingui immesu
Sa gherra si fait partendi de atesu
Su fueddu e sa bomba, diversu pesu
Sciobera su primu e as a bì ita teneus!

Noi simu 'na minoranza!
Chilli senza chiù speranza!
Unu frocu drochinu
T'at a sravai su niu
Jà! Facimm a pace! Jamme!
Tengo friddo, suonno e famme


TRADUZIONE

Mi avete riconosciuto? Chi sono?
Chi sono?
Sono Pulcinella, ueué! Vengo dall’aldilà

San Pietro, sempre sia lodato,
Mi ha chiesto
- Perché la tua gente sopporta tante ingiustizie?

E, in confidenza, mi ha detto di dirvi
Che avete il diritto di ribellarvi!
Dio garantisce a tutti un posto in paradiso

A un tale che non si era ribellato,
Dio, meravigliato,
Gli ha gridato - Tu sei fesso e andrai all’Inferno!

Ahi! Madonnina mia!
Che dobbiamo fare Pulcinella?
- Uccellino vola
Se il maiale grugnisce! –
Ho visto un soldato
Con il fucile puntato!

Tra il fango, la polvere e la terra,
Signora Guerra
Striscerai, cacciata dalla luce del sole

Lunghi fiocchi azzurri
Lungo la strada
Corrono leggeri come la neve sui tetti

Svegliati dal sonno, dice
È l'unico modo per sopravvivere
Con un fiore stretto nella mano
E la pace è una parola che presto leggerai

Le trappole hanno lunghe radici
Gente, la medicina è la lotta
E se lo volete, che sia per la vita
Perché le disgrazie si celano ovunque

Sollevate la testa e guardate in alto
Il vento spira e questo è il momento
Guardate cosa vi si offre
La pace è giustizia, l'amore è a buon prezzo

Saltate quel muro e gettatevi nella mischia
La guerra inizia da lontano
Le parole e le bombe hanno un diverso significato
Scegli le prime e scoprirai!

Noi siamo una minoranza!
Quelli che non hanno più speranza!
- Un fiocco azzurro
Salverà il tuo nido -
Facciamo la pace! Sù!
Ho freddo, ho sonno e fame

Album che contiene Pulcinella

album Panem, binu et circenses - Lame a foglia d'oltremarePanem, binu et circenses
2012 - Rock, Indie, Etnico
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati