Originale cross-over fra musica, teatro e arte performativa, il progetto artistico “La Vague”, si modella sulle esperienze di Francesca Pirami, cantante e attrice, e Alessandro Corsi, bassista-contrabbassista. Un duo basso e voce, il cui sound è arricchito da un universo di strumenti, come la melodica, il kazoo, la mbira, la slide guitar, stomp-box guitar, e mini-synth fatti a mano.
Le loro canzoni attingono a stili e linguaggi di diverse culture e epoche spaziando dal jazz al tango, dal blues alla chanson francaise, dal funk al rock fino alla psichedelia, e attraversano le sonorità dell’Italiano, dell’Inglese, del Francese, rispondendo ad una necessità espressiva radicata in un presente in cui la contaminazione non è più da considerare come una peculiarità ma una realtà imprescindibile. La loro produzione artistica restituisce, tuttavia, un’immediatezza espressiva depurata da intellettualismi, ma attenta ad adottare un punto di vista personale, laterale, e per questo spesso ironico.

www.lavague.it
www.youtube.com/user/lavaguechannel
www.facebook.com/la.vague

“La Vague”, in evoluzione continua sin dall’anno di nascita 2007, è composto dalla fiorentina Francesca Pirami, autrice dei testi oltre che di molte composizioni, regista, scenografa e costumista degli spettacoli e dei videoclip del gruppo; e dal romano Alessandro Corsi, che compone e arrangia i brani, realizzando i vari strumenti elettronici originali, come il rumorofono.
La Vague ha al suo attivo numerose esperienze che spaziano dai live alle performance teatrali e di strada in Italia, ma anche tour in Svizzera e Belgio e Francia.
Nel 2009 è uscito “La Vague” il disco di debutto del gruppo per la collana Millenium Music, della Mia Recods. Nel febbraio 2012 è stata la volta di “Cabaret Electrìc”, sempre Mia Records, l’album della consacrazione.
Hanno detto di loro “... Un duo che sembra un'orchestra. O un coro.” (Fulvio Paloscia, La Repubblica). O “…L’uomo con un basso che suona come un’orchestra, Alessandro Corsi. Grande voce e grande estensione, una valigetta di scena piena di strumenti e accessori di scena, Francesca” (Jacopo Cosi, L’Unità). E anche “La Vague, l'onda, è il nome di un conturbante duo terremoto tutto lustrini e paillettes che suona come un mare in tempesta e sul palco scalcia e galoppa come un cavallo di razza." (Edoardo Semmola, Corriere Fiorentino).