Una voce emozionanate

Nata con l'irrefrenabile desiderio di comunicare cantando, inizia giovanissima esibendosi con vari gruppi e formazioni locali, spaziando dal pop-rock al blues (suo grande amore). In questo frangente canta accompagnata anche dal grande batterista friulano U.T. Gandhi, ed apre (con i suoi gruppi)i concerti dei Blues Brothers a Udine nel 2000 e degli Afterhours a Cormons (GO) nel 2003.
Crescendo si accorge della bellezza del suono acustico ed inizia ad esibirsi accompagnata da un solo strumento, chitarra acustica o pianoforte, proponendo un repertorio che affonda nel blues e nel soul.
Durante questo percorso si avvicina anche al gospel, ed approda al FVG Gospel Choir, con il quale vive un lungo tour di un anno.
Inoltre si dedica a diversi progetti paralleli, fra i quali si ricorda uno prodotto e arrangiato da Andrea Rigonat (chitarrista di Elisa).
Di rilievo anche le partecipazioni a diversi concorsi fra i quali si ricordano varie edizioni di Percoto Canta (che ha per così dire rivelato il suo talento) , ben due partecipazioni alle selezioni nazionali dell’Accademia della canzone di Sanremo, e la finale del Festival Estivo della Canzone di Piombino nella sua edizione del 2008
Nel 2006 si trasferisce a Milano, ed è qui che emerge la forte necessità di creare, l’esigenza di un cambiamento artistico. Nascono così le canzoni che da un paio d’anni propone nel circuito musicale milanese.
Nella continua ricerca di una perfezione tecnica e interpretativa continua a formarsi nel canto, studiando privatamente con Sabrina Roman, insegnante professionista, e frequentando diversi seminari sulla voce sull’espressività vocale, tra cui si ricorda “La voce in gioco”, con l’attrice di teatro Antonietta Storchi.
A Milano, fra vari progetti che la vedono protagonista, inconta anche Alex Bevilaqua, noto autore pop, con il quale inizia una personale e fortunata collaborazione che la vede proporre pezzi dello stesso Bevilacqua con interpretazioni inedite e non convenzionali.
Gli ultimi anni sono segnati anche da alcune importanti esperienze all'estero. Nell’estate 2011 si esibisce con propri pezzi inediti in lingua inglese al Bedford Pub di Londra, celebre palcoscenico calcato, all’inizio della loro carriera, da artisti del calibro di James Morrison, Paolo Nutini, KT Tunstall. Nel 2012, durante un’esibizione in un ristorante di Montmartre a Parigi, viene notata dal cantante inglese Chris de Burgh, con il quale improvvisa diversi duetti nel corso della serata.
All’attivo, in attesa dell’album autoprodotto, esce a maggio 2012 il singolo”Sette Nodi” scritto da Bevilaqua e prodotto dalla casa discografica” Dingo Music e ad ottobre 2013 esce il singolo “Sai cos’è” scritto ed autoprodotto dalla stessa Loredana Fantini.