NEOREALISMO di anime in perenne ricerca che non trovano soluzioni.

Tratto dal titolo di un film di Wim Wenders l'album "Lo Stato delle cose" vuole essere una riflessione sul destino: "tutto va scomparendo, dobbiamo affrettarci se vogliamo vedere ancora qualcosa”.
L'Ep è un Concept: le cinque soundtracks che compongono il progetto hanno come filo conduttore la decadenza e la fragilità dei rapporti. Sono istantanee di uno stato di fatto, polaroid di resistenze, di malinconie, di immobilismo. Non vogliono descrivere storie, ma soffermarsi solo su alcuni fotogrammi in bianco e nero di istanti ben precisi.
Il singolo dell'album e' "Imperfetti Sconosciuti" sulla quale traccia è in lavorazione il videoclip che vede come direttore della fotografia il fotografo messicano Hector Chico e come protagonista l'attrice Sara Alessandrello.
l'artista Hector Chico è anche l'autore dello scatto fotografico (quasi un "Haiku" fotografico) che dà la copertina all'EP.

Il progetto è autoprodotto, registrato presso lo studio di registrazione Eleven11 di Garbagnate (MI) con la collaborazione tecnica del direttore artistico dello studio, Andrea Stress Vergnano (ex Kontrasto) e Davide Donghi.
Il genere è indie/rock d'autore anche se non si vuole paragonare ad un genere vero e proprio; ma sicuramente contaminato dagli ascolti dei componenti della band:
the Smashing Pumpkins, The National, Afghan Wings, The Twilight Singers, Afterhours, Sleater Kinney.

Lo Stato delle Cose è un gruppo dell’Hinterland Milanese Pop - indie Rock nato nel 2015 da un’idea di Valentina Brocadello (al basso), Tommy Paltrinieri (alla batteria), Davide "Dave" Ripamonti (piano & chitarra acustica) e dall’incontro con il cantante vicentino Ale Mop (voce e chitarra elettrica)