Ballata d’autore nord europea e westcostiana d’America. Che sia il principe della palude, il folk singer tra Po e Mississipi, il mantovano cortese, da venti anni Luca Bonaffini ama raccontarsi sui palcoscenici italiani, da adolescente talentuoso che cerca di non crescere mai per non doversi adattare alla comodità di una vita senza partecipazione sociale, e lo fa con una voce dal timbro caldo sulla base di ritmi metropolitani, all'insegna della migliore canzone pop all’italiana. Tra i brani di TRENI, la celtica "Fate Morgane" e "Una vita magari così", cantata con l'ospite Flavio Oreglio.