Mao - Video - Mao - Chinese take-away (Official Video)

Mao - Video - Mao - Chinese take-away (Official Video)

band
Cantautore, Rock, Indie 

Torino, Piemonte
info@mao.it

Video collegato all'album

Casa1997 - Cantautore, Rock, Indie

Vai all'album Vai alla canzone

Descrizione

Music video by Mao performing ‘Chinese take-away’. (P)&(C) 1997 Virgin Music Italy S.r.l.


Mao - Chinese take-away
(lyrics: Mauro Gurlino, Luca Ragagnin - music: Mauro Gurlino, Matteo Salvadori)

ci vediamo questa sera poi si mangia assieme
macchine scassate musica selezionata
mi alzo sempre troppo tardi per comprare qualche cosa
giù al bar per il giornale chi c'è c'è chi si rivede

e sappiamo benissimo come andrà a finire
chinese take-away

perfettamente inutile chiamarti non rispondi mai
sullo spazio scooter passi il traffico e sei a casa mia
mangiamo nuvole di drago riso cantonese coca-cola
e il biglietto nel biscotto che ci dice è tutto apposto

e sappiamo benissimo come andrà a finire
chinese take-away


Music Video

Artist: Mao
Title: Chinese take-away
Year: 1998
Record: Casa (Virgin, 1997)

Director: Lorenzo Vignolo
Scriptment: Andrea Pezzi and Mauro ‘Mao’ Gurlino
Screenplay: Mauro ‘Mao’ Gurlino
Director of Photography: Bruno Desole
Film Editing: Walter Fasano
Casting: Andrea Bruschi
Executive Producer: Matteo Zingirian
Production: Zerobudget Factory and Dolly Bell for Virgin Music Italy S.r.l.

Band: Mauro ‘Mao’ Gurlino, Gianluca ‘Mago’ Medina, Paolo ‘Gep’ Cucco
Actors: Riccardo Aprile, Alberto Bergamini, Gianpaolo Bonfiglio, Andrea Bruschi, Marika Cereghini, Fabrizio Lo Presti, Andrea Oliva, Jean Noel Rabot, Giovanni Robbiano, Matteo Zingirian

Lenght: 3’52’’
Format: DV
Date of Shooting: July 16th, 1998
Location: streets, shops, hospital (Genoa, Italy)
Budget: Lire 14.000.000
Note: Independent Label Meeting Award as “Best Italian Overground Videoclip”


Productions Notes

[IT] Primo video prodotto da Matteo Zingirian, che d'ora in poi sostituirà con la sua Dolly Bell il ruolo che deteneva Andrea Linke, e finora unico videoclip girato da Lorenzo Vignolo non in pellicola. È la metà del 1998, l'ultima esperienza lavorativa era stata nell'ottobre 1997 con l'intenso “Rosemary Plexiglas”. Tutto il gruppo Zerobudget è appena uscito da un periodo di sconforto terribile dovuto all'annullamento della produzione del film “Pizzeria”, su cui tutti avevano investito lavoro e speranze. Stiamo recuperando energie e ci stiamo buttando sul progetto “500!” che occuperà tre anni della nostra vita. “Chinese take-away” entra, esce e rientra nelle mani di Lorenzo Vignolo passando anche tra quelle di Andrea Linke, per la prima volta 'concorrente'. In realtà, una delle caratteristiche delle produzioni Zerobudget è che quasi mai sono frutto di competizione, ma di un contatto diretto con artisti o amici, senza affrontare le cosiddette 'gare' per ottenere i lavori. La sceneggiatura è l'idea sono già pronte e portano la firma di Mao ed Andrea Pezzi, uno split-screen continuo che fino a metà canzone riporta le stesse immagini fino a divaricarsi e prendere strade inaspettate. Il casting è tutto di Andrea Bruschi, un talento anche in questo ruolo (oltre ad essere grande attore e musicista), recitano altre new entry che finiranno in “500!”: Alberto Bergamini (il camionista), Fabrizio Lo Presti, Marika Cereghini, Andrea Oliva e Jean Noel Rabot. Appaiono in cameo Giovanni Robbiano, Andrea Bruschi, Andrea Oliva, Matteo Zingirian e lo sceneggiatore Riccaro Aprile (nella parte di “The doctor”). La fotografia è di Bruno Desole (a fine giornata gli verrà rubata la telecamera sul set e ciò creerà in tutti rabbia e sconforto), il montaggio di Walter Fasano. Proprio la fase di post-produzione avrà uno svolgimento faticosissimo, il rendering (tempo che il computer necessita per calcolare gli effetti digitali) dello split-screen e degli effetti del colore, richiedeva più di un giorno. Montavamo a Roma (come i tre video precedenti), l'affitto di un giorno in più dell'Avid (la centralina di montaggio) ci avrebbe fatto indebitare. Si è deciso di finalizzare, non senza difficoltà, a Genova. Lorenzo Vignolo è così scioccato da non voler girare più nulla in video. Fortunatamente Matteo Zingirian si comprò presto un Avid tutto suo. Il videoclip ha vinto il premio come miglior clip “overground” dell'anno al M.E.I. (Meeting delle etichette indipendenti).


Mao
http://www.maoelarivoluzione.it

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    aggiungi ai tuoi preferiti