Mario Venuti - Ballata Per Una Città testo lyric

TESTO

Non sei affatto
silenziosa
eppure sembri muta
sono io che ti parlo
in un dolce far niente
ti costruisco poco a poco
volgare oppure nobile
un po' Beirut un po' Rio
i giorni della rabbia dei lenzuoli bianchi appesi
i tuoi militari davanti ai portoni
la storia che ci prende in giro
racconta senza veli le mie strorie zen
si sente dire in giro
che il diavolo vivie a Palermo
porgere l'altra guancia non è un sentimento moderno
la notte scende e a volte ridà
un profumo di eterno
ed in qualcosa somiglia un po' anche a te
o a me che provo a scindere le onde del mare
Proteggila tu, santa, dall'alto di questo monte
dai pranzi pesanti ed i sonni profondi
questa splendida città in rovina
dove Garibaldi si fermò e fece pipì.

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Ballata Per Una Città si trova nell'album Microclima uscito nel 1995.

Copertina dell'album Microclima, di Mario Venuti
Copertina dell'album Microclima, di Mario Venuti

---
L'articolo Mario Venuti - Ballata Per Una Città testo lyric di Mario Venuti è apparso su Rockit.it il 0000-00-00 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia