Marlene Kuntz - La città dormitorio testo lyric

TESTO

L'immaginazione nella città dormitorio
è un'immagine che proprio non so far volare
è un pennuto in una gabbia nato per marcire
è un'illusione alata che può solo zoppicare


E sei condannato
e neanche lo sai
stolido e ingessato
no che non lo sai


L'entusiasmo è un'agonia nella città mortorio
e lo stupore un'imprudenza da addomesticare
quando volge a tutto ciò che non si può capire
e quando fa di ogni cosa nuova un avversario


E sei condannato...


Bifolchi imbiancati, sepolcri imbevuti di liquido grigiore
massa di zombie irretiti dal nulla
storditi da quel che conviene, sedotti da ciò che pertiene
alla norma, conformi
ad ogni visione d'insieme che fugge da ogni dettaglio
stonato e non omologato
Convinti che quel che appartiene al giogo delle convenzioni
sia l'unico bene


E tu sei come loro che ti sono affatto uguali
anche se non lo ammetteresti mai


Dorme un lungo sonno tutta la città
e con essa dorme la sua umanità

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano La città dormitorio di Marlene Kuntz:

Questo brano è stato inserito in alcune playlist dagli utenti di Rockit:

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone La città dormitorio si trova nell'album Lunga attesa uscito nel 2015 per Sony BMG Records.

Copertina dell'album Lunga attesa, di Marlene Kuntz
Copertina dell'album Lunga attesa, di Marlene Kuntz

---
L'articolo Marlene Kuntz - La città dormitorio testo lyric di Marlene Kuntz è apparso su Rockit.it il 2012-03-13 18:07:08

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia