Martha J.
Diplomata all’Accademia di Belle Arti N.A.B.A. di Milano, inizia la sua carriera musicale nel 1986, nei locali di Milano e della Lombardia, come cantante e chitarrista, con un repertorio di canzoni di cantautori americani (Joni Mitchell, James Taylor, ecc.) e folk irlandese.
Studia canto lirico e moderno, partecipa ai seminari jazz di Rachel Gould, studia recitazione presso lo Studio Laboratorio dell’Attore con Raul Manso e danza moderna con Miguel Angel Cragnolini.

Dopo una parentesi dedicata alla musica pop (che la porta a partecipare al festival di Sanremo nel 1990, a pubblicare due cd per PDU/EMI e a numerosi concerti in Italia e all’estero, in particolare in Canada), dal 1999 si concentra quasi esclusivamente sul jazz collaborando con numerosi musicisti italiani e stranieri, fra cui Attilio Zanchi, Giovanni Monteforte, Max Gini, Marchino Bianchi, Niccolò Cattaneo, Toni Arco, Guido Bombardieri, Marcello Noia, Vittorio Castelli, Carol Sudhalter, Luca Garlaschelli e molti altri, in club, festival ed eventi in tutta Italia e all'estero.

Nel 2005, canta alcuni brani in 'Shades of Carol', il Cd della sassofonista americana Carol Sudhalter.

Nel 2007 inizia la collaborazione con il pianista Francesco Chebat, con cui ad oggi ha pubblicato cinque album, con jazz standards e brani originali di cui è autrice dei testi.


Francesco Chebat
Francesco Chebat si è diplomato al Conservatorio di Milano con il maestro Elio Cantamessa, già pianista del Teatro alla Scala di Milano, e ha studiato composizione con il maestro Massimo Bertola. Ha frequentato seminari, corsi di perfezionamento e masterclass con Tino Tracanna, Giovanni Tommaso, Larry Monroe, Dino Govoni, Bonifacio Baroffio, Bernard Cavanna, Russel Hoffman, specializzandosi nella musica jazz.

Dopo il primo CD Imprinting (registrato nel 2006 con Attilio Zanchi e Marco Castiglioni), alla fine del 2009 pubblica il CD Promenade per Double Stroke Records, con il trombettista Gianni Satta: un percorso tra ideali stanze di una mostra, fatta di suoni e di atmosfere, con un’alternanza tra ambienti acustici ed elettrici. La formazione è bass-less, e la linea di basso è suonata da Francesco Chebat con la mano sinistra, mentre con la mano destra esegue linee melodiche e improvvisazione. Tutti i brani sono scritti e arrangiati da Francesco Chebat, In questo CD suonano anche Stefano Bertoli alla batteria e Cisco Portone alle percussioni e cajon.

È pianista e arrangiatore dei progetti musicali di Martha J., vocalist elegante e raffinata interprete. Dopo due CD dedicati agli standard jazz, pubblicano nel 2010 il loro terzo CD dal titolo Dance your way to heaven, con Roberto Piccolo al contrabbasso e Stefano Bertoli alla batteria. In questo album vengono esplorate nuove atmosfere, nuovi ritmi e melodie. Gli undici pezzi inediti sono tutti composti da Francesco Chebat su testi della stessa Martha J.
Molteplici sono le esperienze professionali, ha partecipato a numerosi festival.
Molto richiesto e apprezzato come sideman, ha suonato con: Gianluigi Trovesi, Attilio Zanchi, Maurizio Giammarco, Rudi Migliardi, Tino Tracanna, Marco Castiglioni, Kyle Gregory, Toni Arco, Maxx Furian, Guido Bombardieri, Sergio Orlandi, Beppe Aliprandi, Dudu Kwateh, Paolo Tomelleri, Emilio Soana, Riccardo Fioravanti, Marcos Vinicius, Carlo Bagnoli, Francesco D'Auria, Ney Portilho, Vanni Stefanini, Carol Sudhalter, Michael Supnick e molti altri.
Collabora con la JW Orchestra diretta dal sassofonista Marco Gotti.