Max Gazzè - Testo Lyrics Elogio Alla Sublime Convivenza

Testo della canzone

(G. Santucci ? M. Gazzè)

Quindi superata l'ossessione
Della solitudine e della devozione

Emerge il fabbisogno esponenziale
Di incrementi demografici e di istinto materiale

Dopo un silenzio astrale esplodi il quesito
Sul vizio occulto e il desiderio proibito

Mi assale un profano bisogno e preparo la cena

Quando verranno
Gli anni dei ricordi
Ci troveranno ancora uniti e forti
Sereni per quel che noi siamo stati
Per quello che saremo

E ci esercitiamo ad affinare l'equilibrio
Della reciprocità

Sei forte delle tue certezze esatte
Che si esprimono in pretese di stabilità

Riusciamo a mantenere la giusta distanza
Dal rischio quotidiano della ciclicità.
Adesso vieni vicino ti abbraccio che hai freddo alle mani

Quando verranno
Gli anni dei ricordi
Ci troveranno ancora uniti e forti
Sereni per quel che noi siamo stati
Per quello che saremo.

Album che contiene Elogio Alla Sublime Convivenza

album Tra L’Aratro E La Radio - Max GazzèTra L’Aratro E La Radio
2008 - Cantautore, Pop On The Road Music Factory
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati