Sound dalla tradizone folk e country americana

Sopravvissuti agli anni zero e tornati indietro a raccontarceli, il gruppo dei Monsieur Malaussène ha visto la luce nel 2010 a Roma. Il nome è un omaggio al personaggio Benjamin Malaussène - di professione capro espiatorio - protagonista dei romanzi di Daniel Pennac. Il motivo è semplice, secondo la band i ragazzi della nostra generazione sono i capri espiatori di quelle passate.

Il duo dei Monsieur Malaussène (che al momento si esibisce anche in full band con 5 elementi) genera un sound malinconico e intimista, frutto dell'ascolto di musica country e folk della tradizione americana e inglese che annovera riferimenti da Tom Waits a Bob Dylan. Da qui la caratteristica del loro suono “accogliente” ottenuta con strumenti acustici o (leggermente) amplificati. I testi parlano della vita quotidiana, ripescando a piene mani dagli stati d’animo e dalle vicissitudini dei due musicisti.

Folk acustico, country e blues d'autore da Roma sulla scia di Leonard Cohen, Nick Drake e Neil Young. Daniele Bifulco (voce, chitarra acustica, armonica) e Matteo Mirk (basso, chitarra elettrica, ukulele, diamonica, glockenspiel, seconda voce), autori dell'ep “On a lake”, ci portano in un delicato paesaggio di storie intime e malinconiche, visto da un edificio costruito di quotidiane pietre amare. Nonostante ciò, tutte le canzoni sono un inno alla vita e al voler esserci nonostante tutto.

Le copertine delle loro due pubblicazioni un live in presa diretta registrato il primo marzo 2012 al Foollyk di Roma e quella del loro primo lavoro in studio sono state realizzate dal pittore romano Empedocle Amato. Il 21 Dicembre del 2012 è uscito il loro primo EP “On a Lake” contenente 7 brani di cui uno strumentale.