Cantautore Alternative Folk

Mujura (pseudonimo di Stefano Simonetta), musicista e cantautore calabrese che lavora da anni al fianco di Eugenio Bennato il quale ha fortemente sostenuto questo progetto discografico d’esordio e lo ha prodotto con Taranta Power. Il disco Mujura, missato da Jd Foster (Calexico, Marc Ribot, Capossela) e distribuito da Lucky Planets, segna una nuova strada nella dimensione del cantautorato e del folk italiano.
Undici brani, che raccontano in testo e musica, nella forma canzone, un intreccio di mondi diversi. Ci sono elementi presi in prestito dalla musica popolare calabrese, nell’utilizzo di strumenti tradizionali (chitarra battente, tamburello), della lingua (un calabrese ricercato a tratti ostico, ma scelto con un’attenta ricerca sulla componente musicale e ritmica del suo suono) e dei ritmi, che convivono assieme a elementi della musica folk rock contemporanea.
“Quello che mi interessa – dice Mujura - è scrivere canzoni. Per una serie di ragioni anagrafiche e storiche, come la mia frequentazione di ambienti di musica etnica, il mio viaggio nella musica popolare calabrese e in quella del sud con Eugenio Bennato, ho usato nei miei lavori alcuni strumenti e ritmi che provengono dalla tradizione musicale popolare calabrese e la lingua calabrese (non in tutti i brani) che conosco e ho studiato negli anni. Non nasco nell'ambiente della musica popolare, ci sono arrivato seguendo un percorso trasversale e trasversalmente continuo a muovermi in questo mondo. Nel disco, infatti, come citazione di canzone popolare ho usato in modo spregiudicato un canto di malavita”.
Il disco Mujura può essere considerato un concept album sulla Calabria, sulle sue contraddizioni, il suo degrado e le sue degenerazioni sociali. Ma anche su una Calabria sconosciuta, lontana dalle menzogne illusorie da cartolina, dalle esasperazioni di cronaca nera e dai facili e volgari cliché folcloristici. “Ho parlato della Calabria in questo disco – continua Mujura - non come rivendicazione geografica o per motivi campanilistici, ma perché è l'argomento che conosco meglio di altri e sentivo di dover restituire un mondo del quale si hanno notizie parziali, frastagliate e imprecise. Quello dell'abbandono, della deturpazione, della malavita, della lentezza, del familismo e dell'isolazionismo in un mondo veloce e globalizzato”.
Così il mondo calabrese all’interno del disco, viene restituito in un caleidoscopio di immagini che compongono una complessa realtà: la criminalità e la deriva sociale (i brani: A crapa, Sparami, Parti, Sdegnu di carceratu, Mancu li cani), il rapporto col passato e con la cultura popolare (i brani: Ngravachjumbu, Mani chini, Mujura), lo sbarco dei clandestini (il brano Amir), la natura selvaggia, la storia e l’isolazionismo (i brani: Blu, Suli).
E anche l’uso della lingua fa la sua parte. Il dialetto calabrese, nel disco, si fonde con la lingua italiana nei brani A crapa e Mujura e l’italiano con il magrebino come nei brani Amir e Blu, due ballate in cui la voce di Mujura viene accompagnata da quella del cantante marocchino Mohammed El Alaoui, Eugenio Bennato. La ballata e la canzone folk sono intervallate da brani dalla ritmica serrata di tamburelli, percussioni e chitarre elettriche come Sparami, Ngravachjumbu, Mani chini e Sdegnu di carceratu.


********

Quando negli anni Novanta si aprì la stagione della "musica etnica", si aprì anche l'aspro dibattito tra i "puristi" e gli "innovatori".
I primi teorizzavano l'immobilità della musica tradizionale, i secondi erano per una fuga in avanti con l'ausilio di contaminazioni stilistiche e di tecnologia.
Io penso che la contrapposizione sia mal posta e quindi inutile.
Si può essere artisti moderni con una voce contadina e una chitarra battente e, allo stesso modo, si può essere artisti "popolari" con una classica rock band.
Quindi su Stefano che si fa chiamare Mujura è inutile indagare che sia nato nella locride, che parli correntemente il calabrese, che abbia prestato attenzione ai nuovi modelli musicali provenienti dal mondo, che abbia ascoltato e suonato la tarantella. Quel che conta quando si scrive nuova musica è il risultato. È il tasso di follia artistica, detta anche "creatività".
Tessere le lodi di Stefano sarebbe sospetto, anche perché suoniamo insieme da anni.
Posso solo dire che un disco come "Mujura", o qualcosa di simile, non lo avevo mai ascoltato prima.

Eugenio Bennato, (Napoli 07 Marzo 2011)

********

Stefano Simonetta, nasce a Roccella Jonica, in Calabria, nel 1979. Si trasferisce a Bologna dove si laurea in storia del Teatro al Dams. In Calabria fonda assieme ad altri musicisti della locride il gruppo Taran Khan che rivisita la musica popolare e partecipa a importanti festival europei (Germania (Stimmen), Belgio (Sfinks), Norimberga (Barden Treffen), Toulon (Festilangues).
Fa parte della band di Eugenio Bennato dal 2004, con il quale ha suonato nei maggiori festival italiani e del mondo (Cairo, Tunisia, Algeria, Messico, Canada, Siria, Marocco, Germania, Belgio, Lussemburgo, Londra, Galles, Etiopia, Spagna, Portogallo, Francia, Turchia, Sanremo ed altri). Ha lavorato in studio agli album “Sponda Sud” e “Grande Sud” di Eugenio Bennato e “Napoli Mediterranea” e “Italiana” di Pietra Montecorvino.
Ha lavorato come produttore in diversi dischi della scena folk del sud Italia. E’ produtore artistico dell’ultimo lavoro discografico di Eugenio Bennato “Questione Meridionale”.
Nel 2004 un suo brano è stato inserito nel documentario “I picciotti del profeta” (Cinecittà-Istituto Luce)
Nel 2009 un suo brano è stato inserito nella compilation “Ad esempio a me piace” (Rubbettino) e nello stesso anno un altro suo brano è stato inserito nella compilation “Kaulonia Tarantella Festival” (Cni Music)
Nel 2010 ha suonato al Kaulonia Tarantella festival (Caulonia, RC), nel 2011 nella rassegna Odio L’estate (Roma) e al Negro Festival (Pertosa, Sa). Nel 2012 ha suonato al Roccella Jazz Festival Rumori Mediterranei assieme alla band rock jazz partenopea Slivovitz nel progetto originale "Mujura feat. Slivovitz"






Contatti: mujura@hotmail.it
www.myspace.com/mujuramusic