I Nadiè sono Giovanni Scuderi (voce e chitarra), Vincenzo Battaglia (piano e synth), Alfio Musumeci (batteria), Gianpiero Leone (basso), Francesco Gueli (chitarre).
Un mix psichedelico tra musica ispirata e testi intimisti con sonorità taglienti sono gli elementi di base del gruppo. Musica essenziale senza inutili tecnicismi con un groove di forte impatto ne caratterizzano le performance live.
Già nel 2005 il progetto si impone al concorso nazionale Today I'm rock a Capaccio (SA), vincendo il primo posto e dividendo il palco con Max Gazzè. Nello stesso anno i Nadiè firmano per Lancelot Record, un'etichetta indipendente del torinese, per un singolo, “Glicine”, il quale viene promosso al MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti e passa all'interno della rubrica Demorai.
Il 2007 è ricco di live che toccano vari punti della penisola, in particolare con le partecipazioni al MEISUD di Lamezia Terme e come ospiti al Formia Music Festival, dividendo il palco con Tre allegri ragazzi morti, Verdena, Virginiana Miller, Amerigo Verardi, 24grana.
In altre partecipazioni in live del 2007 i Nadiè dividono il palco con Mario Venuti, Giorgio Canali e Interno 17.
Conclusa l'esperienza in casa Lancelot, si pensa subito alla realizzazione del primo album sotto la produzione artistica di Massimo Roccaforte (già con Carmen Consoli, Max Gazzè, Mario Venuti ecc).
A giugno 2009 esce “Questo giorno il prossimo anno”, (autoprodotto) album registrato al Sonoria Studio di Scordia (Ct) da Vincenzo Cavalli e masterizzato da Claudio Giussani al Nautilus di Milano. Segue tour promozionale che tocca i principali locali della penisola e alcuni festival di rilievo.
Con l'album d'esordio, i Nadiè vincono due premi nazionali: Premio “L'arte e il suo mestiere” e “La nota d'argento”, come miglior prodotto indipendente del 2009. Esce, nel gennaio 2010, il loro primo singolo “Praga” e la versione videoclip per la regia di Renato Chiocca e la partecipazione straordinaria di Leonardo Maddalena.
A marzo 2010 i Nadiè fanno sold-out a Zo, centro culturale sito a Catania, raggiungendo i 500 paganti.
Ospiti alla manifestazione Open Week, tenutasi al centro fieristico Le Ciminiere di Catania a giugno del 2011, dividono il palco con gli Uzeda, storica formazione noise catanase conosciuta in ambito internazionale.
A maggio 2011 vincono il festival nazionale Il rock è Tratto, a Savignano sul Rubicone, aprendo, in solitaria, la prima data estiva del tour degli Afterhours. Il binomio live Nadiè/Afterhours sarà poi ben recensito nelle riviste locali romagnole.
Si aggiudicano il Premio internet al Premio Poggio Bustone dedicato a Lucio Battisti e sono finalisti a Sotterranea 2011 a Bologna, dove ottengono il premio creatività e sono inclusi nel cd Sotterranea 2011.
Sono tra i primi tre classificati al RIVER ROCK di Perugia, nell'edizione 2012, presenziando nel cd RiverRock 2012 e sono recensiti da XL Repubblica.
Nel 2013 la band si prende un anno sabbatico per la stesura di nuovi brani preferendo, poi, un lungo periodo di silenzio.
Nel 2014 sono finalisti al premio Bitontosuite in Puglia. Nello stesso anno la band riprende la stesura di un nuovo progetto discografico, che vede l'incisione in studio di nuovi brani per un futuro full lenght, la cui uscita è prevista per il 2017 con titolo “Acqua alta a Venezia”.