Dal disincanto della nostra terra, dalle ferite che non si rimarginano, dalla rabbia contro una realtà che stenta a farsi riconoscere umana...da questo background nasce la nostra musica, ruvida, tagliente e allo stesso tempo dolce...un misto di poesia e sacrilego che urla dalle catene dei must più subdoli e striscianti.