I 25 anni di Radio Popolare a Bergamo

27/11/2001

Radio Popolare (FM 107.6) ha 25 anni. L'emittente milanese è nata infat ti nel novembre del 1976. Da piccola radio di movimento è diventato un network nazionale ascoltato da centinaia di migliaia di persone ogni giorno.

Radio Popolare è l'unica emittente indipendente finanziata direttamente dai suoi ascoltatori.

Due le forme per sostenere la radio, l'abbonamento e l'azionariato. Sono circa 14 mila gli abbonati che versano annualmente una quota minima di 150 mila lire, portata in questi giorni a 90 euro.

Per festeggiare il 25° compleanno Radio Popolare organizza a Bergamo una festa: giovedì 29 novembre alle ore 21 al Cinema Teatro Nuovo, con ingresso libero.

L'intera serata sarà trasmessa in diretta e sul palco sarà allestito uno studio in piena regola.

La serata prevede una parte di dibattito - microfono aperto, il cui tema è: "Il caso Bergamo". Interverranno fra gli altri il direttore di Radiopop Piero Scaramucci, Angelo Bendotti, Presidente dell'Istituto storia della Resistenza e dell'età contemporanea, oltre a rappresentanti degli immigrati, del Bergamo Social Forum, della stampa locale e nazionale. Il pubblico potrà intervenire con domande, riflessioni e pareri.

La seconda parte della serata sarà dedicata alla musica. Quattro gruppi musicali bergamaschi suoneranno e canteranno (gratuitamente) per festeggiare Radio Popolare: gli Arpioni, La Famiglia Rossi, Zabulon J. e Jabberwocky.

E' prevista inoltre la partecipazione straordinaria degli Jag, gruppo di musicisti Rom. Radio Popolare è ascoltata da molti bergamaschi, secondo le stime sono quasi diecimila gli ascoltatori abituali, e quasi un migliaio gli abbonati.

Giovedì 29 novembre sarà possibile sottoscrivere l'abbonamento.

Per informazioni sulla festa:
Enea Guarinoni Tel. 348.2829545
e-mail guarcin@tiscalinet.it

www.radiopopolare.ir

Pagine: Arpioni La Famiglia Rossi Zabulon J Jabberwocky

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Arriva a Bologna il biglietto sospeso per chi non può permettersi un concerto