Afterhours, il nuovo disco si chiama Padania

29/02/2012

«Padania è uno stato mentale. Non ha confini geografici, è uno stato della mente e dell’anima. È il nome che meglio rappresenta la disperazione di uomini che sanno di poter avere tutto tranne che se stessi».

Firmato: Manuel Agnelli.

Queste le parole con cui gli Afterhours annunciano l'uscita del loro decimo album in studio. Il titolo, appunto, è "Padania" e uscirà il 17 aprile.

Prodotto da Manuel Agnelli e Tommaso Colliva, il disco arriva a quattro anni di distanza da "I milanesi ammazzano il sabato" e a tre dalla compilation "Il paese è reale", realizzata con 18 gruppi italiani e pubblicata dopo la loro partecipazione al Festival di Sanremo. "Padania" non ha alle spalle un'etichetta, ma si appoggerà per la distribuzione ad Artist First.

Ancora Agnelli sulla canzone che dà il titolo all'album: «La canzone parla di una persona che vuole cambiare la propria vita e il proprio destino (come la maggior parte di tutti noi), perché crede che ci debba essere qualcosa di più del destino e della fortuna. È un desiderio così forte che diventa un’ossessione e questa ossessione diventa una maledizione, che la porta a vincere tutte le sue battaglie ma a dimenticarsi del perché sta combattendo. A realizzare tutto. Tranne che se stesso».

Tag: nuovo disco

Commenti (14)

Carica commenti più vecchi
  • antonio rivolta 29/02/2012 ore 16:13 @anversa

    Perplessità... non si capisce cosa c'entri il titolo Padania con lo stato mentale descritto.

  • Gabriele Vacca 29/02/2012 ore 16:33 @elvacca

    io non ci ho capito una mazza....

  • Cesar P. 01/03/2012 ore 00:06 @cesareparmiggiani

    Questa la scaletta delle canzoni:

    1) Padania
    2) Lumbard
    3) Roma ladrona
    4) Trota
    5) Celtiche origini
    6) Cel'ho duro
    7) No al Terun
    8) Non mi piace il negroni
    9) Zio Borghe
    10) Va pensiero 2

  • Luciano 01/03/2012 ore 13:45 @giacomomorigi

    Ahahahah!

  • Nerebiglie 20/03/2012 ore 11:10 @Nerebiglie

    Nemmeno io ho capito il perché di sto titolo... Ottima intuizione quella di Nicola Bonardi :)

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati