Mannarino è stato condannato a un anno e sei mesi di reclusione

Il giudice di Roma Clementina Forleo, ha riconosciuto il cantante colpevole dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e di rissa.

Mannarino arresto reclusione
Mannarino arresto reclusione

Alessandro Mannarino è stato condannato ad un anno e sei mesi di reclusione per via di quanto è avvenuto nel giugno del 2014. Per chi non lo ricorda, il cantante stava festeggiando il compleanno della sorella Irene insieme al fratello Paolo in un noto locale sul litorale di Ostia. Dopo un diverbio con alcuni estranei che hanno insultato la ragazza, i due Mannarino si sono trovati coinvolti in una rissa decisamente violenta nonostante fossero presenti sul posto le forze dell’ordine.

Nella precedente udienza il pubblico ministero Andrea Iolis aveva chiesto l’assoluzione dei due Mannarino ma, dopo un rinvio a giudizio al fine di ascoltare altri testimoni, il giudice della decima sezione penale del tribunale di Roma, Clementina Forleo, ha riconosciuto il cantante colpevole dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e di rissa. Al fratello, invece, è stata imposta una multa di 300 euro, mentre una terza persona, coinvolta anche lei nella rissa, dovrà pagare una sanzione di 200 euro.

Il cantante, al momento, non ha rilasciato alcun commento ufficiale.

via

---
L'articolo Mannarino è stato condannato a un anno e sei mesi di reclusione di Sandro Giorello è apparso su Rockit.it il 2016-02-12 10:59:00

Tag: legge

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • vincenzoemanuele.rossi 6 anni Rispondi

    sarei curioso di sapere quale condanna è stata invece stabilita nei confronti di coloro che hanno promosso accuse e offese pubbliche nei confronti della sorella del cantante e hanno istigato, nonché preso parte alla rissa..

  • andrea_iolis 6 anni Rispondi

    Scusate scrivo dal cellulare volevo dire non quello che chiese l'assoluzione

  • andrea_iolis 6 anni Rispondi

    Andrea Iolis è il PM che ha chiesto la la condanna ma non quello che mi l'assoluzione