Vogliamo diventare il Linkedin della musica - Intervista al fondatore di BantaMu

Breve intervista a Giacomo Garufi, fondatore del servizio BantaMuBreve intervista a Giacomo Garufi, fondatore del servizio BantaMu
26/02/2014 12:36

Si chiama BantaMu ed è un servizio nato per mettere in contatto professionisti che lavorano a vario titolo nel mondo della musica. Per capire come funziona, abbiamo fatto qualche domanda al fondatore Giacomo Garufi.



Partiamo dalla base: cos'è BantaMu?
BantaMu è un network professionale rivolto a tutte le figure che operano nell'industria musicale. Il progetto BantaMu nasce sostanzialmente dalla necessità di avere uno spazio online dove poter trovare nuove collaborazioni, creare il proprio portfolio ricco di competenze, contatti e credits all'interno dell'industria musicale.

A chi si rivolge?
Il sito raccoglie i portfolio di una serie di figure, dal tecnico del suono al fotografo, dall’artwork designer al regista di video musicali, dal musicista al proprietario di uno studio di registrazione, che l’artista intenzionato a realizzare il suo disco può consultare e contattare, effettuando ricerche per professione, esperienza, genere musicale, credits e località.

È giusto definirvi il Linkedin della musica?
In molti ci hanno paragonato o definito come un Linkedin della musica e ritengo che tale accostamento sia appropriato. Il nostro settore è in continua evoluzione e mai come oggi penso che sia utile e necessario avere a disposizione un network professionale come BantaMu. I feedback che abbiamo ricevuto in queste prime due settimane dal lancio lo dimostrano: si sono registrati operatori italiani e stranieri di livello.

Quali sono i costi per una band?
L'iscrizione a BantaMu e' completamente gratuita. In futuro lanceremo dei servizi a pagamento per i nostri utenti Premium tra i quali la possibilità di risultare in cima alla pagina nei risultati di ricerca, evidenziare le esperienze professionali nella sezione ExploreByArtist e visualizzare gli utenti che hanno esplorato il proprio profilo.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Chiude negli Stati Uniti l’ultima fabbrica di compact disc