La scienza conferma che il bassista è l'elemento più importante in una band

Kim Gordon dei Sonic Youth al Rock En Sein - kim gordon sonic youth playling bassKim Gordon dei Sonic Youth al Rock En Sein - kim gordon sonic youth playling bass
28/02/2017 10:10

Non è certo la prima volta che un gruppo di studiosi applica le sue conoscenze al mondo musicale per capire meglio come funzionano determinati comportamenti umani. Che si tratti degli effetti della musica dal vivo sui nostri livelli ormonali, o come raggiungere un orgasmo ascoltando una canzone, è interessante capire quali sono le basi scientifiche di determinati effetti sonori.

Secondo uno studio della Proceedings of the National Academy of Sciences, è stato stabilito che il musicista più importante all’interno di una band è sicuramente il bassista. Nel loro trattato, gli studiosi Michael J. Hovea, Céline Mariea, Ian C. Brucec e Laurel J. Trainor affermano che il nostro cervello percepisce meglio gli strumenti ritmici i cui suoni hanno una bassa tonalità. In pratica se apprendiamo il ritmo di una canzone e ci facciamo coinvolgere seguendo la sua velocità battendo il piede o ballando, il merito va più al basso che a strumenti come la batteria o la chitarra ritmica.


Dopo diversi test su modelli biologicamente plausibili di apparati uditivi” - spiega la relazione - “Si conferma la superiorità delle basse frequenze nell’ambito della codifica del tempo. Questo spiega come nella musica sia diffusa la pratica di affidare il ritmo a strumenti che emettono suoni bassi rispetto a quelli che trasmettono la melodia di un brano”.

Se per anni il bassista è stato considerato una figura poco centrale e non così importante nell’economia sonora di una band, ora è si può dire con certezza che, senza di lui, il pubblico non sarebbe in grado di ballare. Se volete approfondire meglio l’argomento, è possibile scaricare l’intero studio in free download.

 

(via, via)

Tag: scienza

Vi raccomandiamo:

Commenti (5)

Carica commenti più vecchi
  • Max Sto 3 mesi fa @max.sto.84

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!

  • Max Sto 3 mesi fa @max.sto.84

    Infatti i Doors...

  • Sandro Marzocchini 2 mesi fa @sandro.marzocchini

    Manzarek aveva il ruolo di pianista - bassista, utilizzando un Rhodes Piano Bass. Quindi i Doors avevano eccome delle linee di basso, oltretutto ben composte, efficaci ed ipnotiche.

  • Max Sto 2 mesi fa @max.sto.84

    E chi ha detto il contrario?
    Infatti sono la dimostrazione che le frequenze basse si possono occupare con un altro strumento, quindi è errato dire che il bassista, inteso come persona con un basso in mano, sia l'elemento più importante di una band...

  • mariocase 28 giorni fa @mariocase

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

Video première: Sick Tamburo - Un giorno nuovo