I Baustelle sulla loro assenza al MI AMI

16/05/2006

Dopo aver rettificato la presenza dei Baustelle al MI AMI 2006 ( www.rockit.it/pub/n.php?id=8584 ), riceviamo il comunicato del gruppo relativo alla vicenda. Sostanzialmente, conferma quanto da noi precedentemente affermato, essendo i fatti descritti con accuratezza. Teniamo a precisare che la stima per la band rimane immutata (d'altronde, l'invito al nostro festival è eloquente), e siamo convinti di poter continuare a collaborare con la booking agency Locusta nella consueta, florida maniera. Di seguito quanto.

Con il seguente comunicato il gruppo Baustelle (nelle persone di F. Bianconi, C. Brasini, R. Bastreghi e C. Chiari) tiene a rendere noto che con grandissimo rammarico non prendera' parte al Festival Estivo Miami 2006.

I motivi che hanno portato a questa assenza sono sostanzialmente riconducibili a cause di natura organizzativa e sintetizzabili come segue: Locusta, stimata agenzia di booking dei Baustelle, si era accordata in via informale con gli organizzatori del festival (Rockit) per una esibizione acustica della band.

Purtroppo i Baustelle avevano allora, come in questo momento, soltanto un set acustico in formazione ridotta della durata di una ventina di minuti e non avevano allora (come ora) la possibilità di ampliare questo spettacolo acustico.

C'è stato quindi un errore di comunicazione, molto spiacevole ma possibile.

Non ci sono state nè furbate, nè calcoli sotto banco.

In data 26 aprile (giorno in cui il gruppo e' venuto a conoscenza dell'accordo tra Locusta e Rockit) il manager della band Roberto Trinci ha immediatamente contattato l'organizzazione del Miami per avvertire che la cosa non si poteva fare.

Si sottolinea fermamente che la band teneva molto alla partecipazione al Miami 2006, percio' per cercare una soluzione al malinteso, è stata offerta la possibilità di un'esibizione elettrica del gruppo a semplice rimborso spese (come per tutti gli altri partecipanti al festival).

Il suddetto rimborso spese avrebbe dovuto coprire pero' il costo delle 10 persone (i 4 Baustelle piu' 6 persone - tra Musicisti e Crew) che sono al seguito della band e che sono necessarie per lo spettacolo elettrico, e percio' non piu' le 4 richieste da Rockit.

In tutta legittimità, Rockit ha valutato la comunicazione ed ha ritenuto opportuno quantificare il costo dell'operazione come spesa non sostenibile (costo che, ricordiamo ancora, avrebbe portato zero euro nelle tasche del gruppo, dell'agenzia e del manager) ed ha optato per la cancellazione della data.

I Baustelle non hanno potuto che prenderne atto, sinceramente dispiaciuti del fatto di non partecipare ad un festival come quello promosso da Rockit, sito web stimato e da sempre vicino al gruppo.

Senza rancore, questi sono i fatti.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Com'è Brunori Sa, il nuovo programma di Dario Brunori su Rai 3