Il Bollettino di venerdì 19 marzo

Le migliori uscite della settimana scelte dalla redazione di Rockit

Il bollettino della settimana #11
Il bollettino della settimana #11

Questa settimana si è aperta con il nuovo progetto di Ivreatronic, che ha portato Cosmo a un’inaspettata virata ambient: il suo Fermarsi, primo capitolo della serie Nuova Sauna Possibile, è il nostro disco della settimana. Oltre a ciò, c’è una marea di musica da scoprire per affrontare un altro weekend di clausura (sardi a parte): da Generic Animal, che ha presentato il suo inedito al Colors Show, alla super riedizione de I Mortali di Colapesce e Dimartino, fino al ritorno dei Bachi da pietra con un nuovo membro in formazione, l’ultimo singolo di Bianco, il primo album di Madame e molto altro ancora.

Questo pomeriggio parleremo di questo e molto altro nel nostro nuovo appuntamento Casual Friday, alle 16:30 sul nostro canale Twitch RockitMag. Con noi ci saranno Cmqmartina, fresca del suo ultimo singolo Se mi pieghi non mi spezzi, gli Inude, tornati con la loro BALLAD1, e Arya in compagnia di Desperado Rain, con cui ha pubblicato una nuova versione di Miles, singolo estratto dal suo bellissimo album Peace of Mind.

a/lpaca – Make It Better

Il debutto dei mantovani è a/lpaca è un cocktail lisergico di danze primitive, ritmi martellanti e nebbiose atmosfere psych e kraut rock. Il tutto da immaginarsi in un lugubre beat club, sulla cui pista si lanciano membri dei Bauhaus, Neu!, Soft Machine e King Gizzard & The Lizard Wizard.

cmqmartina - se mi pieghi non mi spezzi

Con un pizzico della magia di Franchino, la paladina della nu dance italiana Cmqmartina torna per “far ballare di sé”, sempre sulla costante cassa in 4. Se mi pieghi non mi spezzi è il grido liberatorio di chi ha imparato a non farsi condizionare dal giudizio degli altri e a essere meno severa con se stessa.

DayKoda – Physis

Sempre più impegnato nel trasformare la causa ambientalista in musica, il producer DayKoda dà voce alla natura con il suo secondo disco Physis, un’intricata e affascinante giungla di ritmiche jazz, sample hip hop, sax ammalianti e synth ipnotici.

Endrigo – Non son capace

Non so se lo prenderanno come un complimento (lo è), ma gli Endrigo hanno scritto una canzone che non sfigurerebbe in un cartone della Disney (con i dovuti aggiustamenti nel testo). Una prestazione vocale intensissima e l’essenziale arrangiamento d’archi fanno di Non son capace uno stupendo sfogo che mette a nudo tutte le debolezze che, inevitabilmente, ognuno di noi ha.

Generic Animal – Lifevest

Che strano momento di sospesa normalità, stare con quei pochi presenti in redazione a guardare insieme Generic Animal, cantare l’inedito Lifevest al Colors Show. Due minuti di impagabile magone al tramonto, a chiedermi quante volte avessi “provato a stare meglio, ma è stato solo un fiasco”.

Gionni Gioielli, Gionni Grano – Economia e commercio 2

Dieci anni dopo il primo capitolo, Gionni Gioielli e Gionni Grano si riuniscono per Economia e commercio 2, dove passano in rassegna alcuni dei personaggi più noti e controversi dell’economia mondiale. Da Trump a Draghi, da Musk a Tanzi, il disco è uno specchio del meglio (poco) e del peggio (molto) che il neoliberismo ha da offrire, letto in chiave rap.

Inude – BALLAD1

BALLAD1 è l’ultimo singolo del trio pugliese (anche se sembrano londinesi) degli Inude, dove le atmosfere rarefatte ed eteree del loro disco del 2019 Clara Tesla vengono rievocate in una forma più concreta, tangibile e dolce.

Disco della settimana: Cosmo – Fermarsi

Fermarsi, primo capitolo del progetto ambient di Ivreatronic, Nuova Sauna Possibile, nella sua stratificazione analogica del suono, tra riverberi e delay, ci obbliga a restare in ascolto, fissando lo sguardo dinanzi a noi, qualunque cosa ci sia. Ci chiede di cogliere la sua complessità per davvero, perché ne abbiamo bisogno.

 

Dischi

Emiliano Blangero – Moments: Fermarsi, ricordare, osservare: il pianista Emiliano Blangero ci spia dal buco della serratura della copertina di Moments per guardare il passato, attraverso un velo di tristezza e di forte coinvolgimento emotivo.

Colapesce Dimartino – I mortali²: Una riedizione de I mortali arricchita da Musica leggerissima, la cover di Povera patria di Battiato, una versione in italiano di Born to Live di Marianne Faithfull e le reinterpretazioni di alcuni brani del repertorio di Colapesce e di Dimartino. Imperdibile.

Calvino – Astronave madre: Al termine dell’universo, l’Astronave madre dei Calvino è quel luogo in cui possiamo ritrovare casa, dopo aver attraversato gli spazi cosmici più freddi e aver osservato le supernove più ardenti.

Ganji Killah – XX Fatto: Il nuovo album di Ganji Killah è il sequel spirituale del mixtape X Fatto, un ruvido esame di coscienza in scala di grigio incentrato sul tema del tempo che passa.

Ghemon – E vissero feriti e contenti: L’evoluzione di Gianluca degli ultimi anni viene racchiusa in questo suo settimo album, dove convivono tutte le sue anime in un disco a metà tra fiaba e realtà.

Madame – Madame: La rapper vicentina esce con un primo album importante, accompagnata da una sfilza di feat incredibili, tra cui Fabri Fibra, Blanco e Guè Pequeno.

Måneskin – Teatro d'ira vol. I: Dopo la vittoria di Sanremo, la giovanissima rock band pubblica un terzo disco pieno di rabbia, frustrazione e chitarre.

Modigliani – Uno: Il conflitto interiore di Modigliani prende corpo nel suo disco d’esordio, Uno, che esplode dopo essere rimasto nascosto per troppo tempo.

Piqued Jacks – Synchronizer: I Piqued Jacks sono pronti a volare, in tutti i sensi. La prossima settimana, la rock band si lancerà col paracadute prima di suonare per intero il suo ultimo disco, Synchronizer, all’aeroporto di Capannori, Lucca. Non adatto ai deboli di cuore.

Sei la mia vita – Sesso pazzo: Con la produzione di Simoo e in collaborazione con la nostra CBCR Vale LP, il collettivo formato da Masamasa, GG Audela, Ucraino e Calicanto pubblica Sesso pazzo, formato da cinque tracce nate improvvisando durante le feste nel loro studio di Caserta.

Wemme Flow – Direzione stelle: Nel suo primo album, Wemme Flow parte dalla sua Bologna per andare dritto nel cielo, raccontandosi su produzioni tra l’hip hop, l’r’n’b e il funk.

Singoli

Amber – Replica: In attesa del loro album d’esordio Hobby, gli Amber raccontano la dipendenza da social network con Replica, in cui fa capolino anche la voce di Elon Musk.

Arya, Desperado Rain – Miles RMX: Una delle tracce del bellissimo disco di Arya, Peace of Mind, viene impreziosita dallo skit di Desperado Rain. Ne parleremo con loro su Twitch.

Bachi da pietra – Comincia adesso: Il duo diventa trio, con l’ingresso di Marcello Batelli – basso, synth e produzione in formazione. Il bello Comincia adesso, sempre con il lento, scuro e inesorabile passo dei Bachi.

Bianco – Come se: Sostenuto da una sezione ritmica di ispirazione new wave, Come se racconta la solitudine sia del singolo che di una città senza più live club. Stupendo il video di accompagnamento (li riconoscete i personaggi che ci compaiono?).

Boetti – Loreto: Come si può sopravvivere nella metropoli caotica dei nostri cuori impauriti? Boetti ce lo ricorda, con la sua ultima dichiarazione di guerra, rabbia e amore.

Guido Cagiva – Come: Guido Cagiva vomita il suo senso di inadeguatezza su una strumentale hip hop di trap lo fi, ma in cui si sente anche battere il cuore di King Krule.

Federico Fabi – Il raffreddore è bello perché me l’hai attaccato tu: L’appuntamento di una coppia raccontato dall’inizio fino al bacio finale, accompagnato da un incredibile video che sembra uscito da un VHS.

Halba x Foldino, Bleu Smith – In Love: Bleu Smith si unisce ad Halba e Foldino per cantare gli inizi di un amore, tra luci soffuse e tonalità r’n’b.

Inflow – Tu non puoi: L’ultimo singolo degli Inflow si regge su una sfacciata linea di basso funk e riesce a farci ballare anche sulle ultime battute di un amore che sta finendo.

LaHasna – Bagnati con me: Una sensuale melodia arabeggiante ci porta in un afoso deserto, tra sussurri e miraggi, totalmente preda dell’ipnotica voce di LaHasna.

IUMAN – OK?: “Non sono Prometeo, ma questo flow promette”: Iuman ristabilisce le gerarchie fin dal primo verso, tirando fuori tutta la sua voglia di riscatto.

Virginia Mai – Luna storta: La Luna storta di Virginia Mai ondeggia al suono di una voce suadentissima e dai pochi accordi ben piazzati di chitarra e piano, creando un’atmosfera nu soul da urlo.

Massaroni Pianoforti – Cascamorto: "Ma questa cenere sparsa è tutto ciò che ci resta". Su una manciata di accordi al pianoforti e di archi delicati, Massaroni Pianoforti canta di un amore che scivola via col fumo di una sigaretta.

Meazza – Le parti peggiori: Il cantautore milanese volge il suo spirito elettro-pop a quelle relazioni in cui il dolore è forte tanto quanto l’affetto, in un malato gioco di potere che non fa bene a nessuno.

Mboss – Adrenalina: La smania e l’ansia dei ragazzi di quartiere viste in prima persona da Mboss, la cui Adrenalina gli permette di affrontare qualsiasi ostacolo.

Mombao – Essaiere: Essaiere è un canto rituale tra il il tribale e il metropolitano, che si ripete ossessivamente come un mantra, mentre le percussioni esplodono tutto intorno.

Mondo Inferno – Porto fuori (RA): Un paesino di mare in provincia di Ravenna è uno dei luoghi del cuore di Mondo Inferno e diventa il teatro di un racconto quasi recitato, condito da uno spiazzante sassofono.

New Candys – Twin Mime: Il ritorno dei New Candys è aperto da un singolo che si concentra sulla dualità e sul tema del doppio, in un rabbioso gioco di azione e reazione.

Palazzi D’Oriente – Parallel (cousins): Il nuovo singolo del producer Palazzi D’Oriente parte da un asciutto loop ritmico per poi affogarlo in sfrigolanti synth e bombardarlo di distorsioni.

RGB prisma, Rosita Brucoli – OK: La voce di Rosita Brucoli si insinua nel brulicante arrangiamento disegnato dagli RGB prisma, che incastrano voci manipolate e pulsanti synth, per poi emergere nel finale in un inaspettato climax.

Riva – Tu vedevi solo pioggia, io vedevo solo fulmini: Occasioni sprecate, opportunità mancate, ostacoli e nuove possibilità: il trio napoletano si lascia andare a un intimo flusso di pensieri nel suo singolo più riflessivo.

Royal Vision – So Close 2 U: Dream pop contemporaneo filtrato da una lente appannata, come nello splendido video di accompagnamento del singolo.

Sciabola – Wakanda: Ispirato dal film della Marvel Black Panther, il rapper Sciabola trasforma Wakanda come il suo credo, fatto di sacrifici e infinita passione.

Vettosi – Strada: Rapper classe 2003 di Secondigliano, Vettosi mette a nudo la fragilità della sua giovane vita, con voce profonda e intensa e su un beat dai toni solenni.

Zerella – All'una con te: Quando l'ansia ti brulica lo stomaco, non c'è niente da fare se non aspettare tempi migliori. Zerella parte da una foto su WhatsApp per raccontare i drammi della sua generazione.

---
L'articolo Il Bollettino di venerdì 19 marzo di Vittorio Comand è apparso su Rockit.it il 2021-03-19 09:55:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia