Il Bollettino di venerdì 2 aprile

Le migliori uscite della settimana scelte dalla redazione di Rockit

Il bollettino della settimana #13
Il bollettino della settimana #13

Con questo venerdì inizia quello che sarà un periodo infuocato per le uscite discografiche: solo questa settimana abbiamo visto il ritorno di Vasco Brondi, Caparezza, Neffa, Colombre e M¥SS KETA, giusto per fare qualche nome. E ancora: Bruno Belissimo si unisce a Le Feste Antonacci per una delle hit più ballabili di questo weekend, Bianco celebra i suoi 10 anni sulla scena con un disco nuovo e una band al 100% francese fa un album cantato tutto in siciliano. Senza dimenticare il nostro disco della settimana: in Fantas Variations, Caterina Barbieri coinvolge diversi amici e colleghi musicisti per reinterpretare nelle maniere più suggestive e inaspettate il suo brano del 2019 Fantas.

Vasco Brondi – Chitarra nera

Una canzone che non è una canzone. In mezzo alla nebbia, Vasco Brondi accende un lumicino tenue, che pian piano si trasforma in faro e ci inonda di un bagliore candido. Un flusso di coscienza quasi necessario, che erutta da una scheggia di dolore e viene sostenuto da un rarefatto coro angelico.

Colombre – Il sole non aspetta

Con "terrore e fiducia ostinata", Colombre ci invita cavalcare con lui per le lande dell’ignoto, facendo esplodere l’attesa per tornare ad abbracciarci in un pezzone pop da cantare a pieni polmoni quando ci riconquisteremo la primavera.

Epoque – Boss (Io e te)

Tra ritmica zouk, chitarre che richiamano l'Africa centrale e versi che si alternano con naturalezza tra italiano, francese e lingala, la musica di Epoque è un'incredibile commistione di mondi e di vite. Boss (Io e te) è rivolta a chi si trova a sacrificare l'adolescenza perché è costretto a diventare adulto e a crescere più in fretta degli altri.

Iside – Margherita v11

"Sbatto la testa sui tuoi spigoli": gli Iside cantano di un amore psichedelico e velenoso, in cui si è talmente assuefatti dalla dipendenza che il desiderio trasforma anche i difetti in poesia. Un'esperienza mistica in cui siamo incapaci di reagire.

M¥SS KETA – Il cielo non è un limite – Lato B

Il lato più oscuro di M¥SS KETA è un doppio singolo sorprendente e lugubre: Miriam è un bruciante sfogo darkwave, in cui suonano L I M, Giungla e la batterista Danila Guglielmi, mentre L 02 E Freestyle è un travolgente fiume in piena che, e mai avrei pensato di dirlo, sembra la versione myssketiana dei clipping.

Neffa – AmarAmmore

La nuova – ed ennesima – svolta artistica di Neffa vede Napoli come punto di partenza. Con i feat di Coez, Rocco Hunt e Livio Cori, Neffa stravolge il neomelodico ancora di più quanto ci sia riuscito – non ce ne voglia – Liberato.

Tobia Poltronieri – Armonia creatrice

Il fondatore dei C+C Maxigross pubblica il suo primo disco interamente strumentale Armonia creatrice, dove suoni astratti e indefinibili pulsano in un universo in costante divenire. Come da tradizione, un disco disponibile solo su Bandcamp, per chi lo vuole ascoltare davvero. 

Disco della settimana: Caterina Barbieri – Fantas Variations

Un vero e proprio studio che cerca di scardinare e poi rileggere Fantas, primo brano dell’acclamato Ecstatic Computation del 2019, secondo nuovi codici sonori. Dagli organi di Kali Malone alla chitarra liquida di Marco Zanetti, ogni ospite da una sua, incredibile prospettiva sulla musica di Caterina.

Dischi

Adult Matters – Flare up: Il cantautore viterbese scava dentro se stesso, lasciandosi ispirare dal folk americano anni ’70 e dai Neutral Milk Hotel di Jeff Magnum.

Auroregz – Sad girl: Solitudine, ansia, nichilismo e delusioni amorose sono al centro dell’ep d’esordio della emotrapper classe ’00 Auroregz

Bianco – Canzoni che durano solo un momento: Bianco festeggia i suoi 10 anni in musica – che ci ha raccontato qui – con un nuovo disco, in cui compaiono anche Colapesce, Dente e Selton.

Cimini – Pubblicità: Cimini canta del film della nostra vita attraverso otto canzoni variopinte che si inseriscono tra una storia e l'altra, con la voglia di cambiare canale o di skippare per vedere come va a finire.

Crimi – Luci e guai: Che c’entra su Rockit un quartetto francese che fa funk afrobeat mischiato alla musica tradizionale algerina? Il motivo è tanto vero quanto assurdo: cantano in dialetto siciliano.

Disarmo – In anima: L’esordio di Disarmo è composto da 10 tracce che uniscono esistenzialismo, cantautorato e alt soul ispirato da James Blake e Lauryn Hill.

Piers Faccini – Shapes of the Fall: Come in un racconto di Gabriel Garcia Marquez, il cantautore italoinglese riflette sulla crudeltà e la compassione intrinseche dell’umanità. Quale parte della nostra natura prevarrà?

Andrea Fornari – Un milione di piccole cose: Andrea Fornari pubblica un disco diretto e sincero, in cui in 10 brani racconta il suo mondo attraverso le piccole cose che lo compongono.

Psicologi – Millennium Bug X: Versione estesa di Millennium Bug, uscito l’anno scorso, che contiene 6 tracce inedite.

Rosa Chemical – Forever and Ever: Repack di Forever con 4 nuovi brani tra cui Polka 2, che vede i feat di Guè Pequeno ed Ernia.

Tamì – Primo ottobre: La musicista romana racconta se stessa e ciò che la circonda nel suo primo album, immergendo il pop punk e l’emo di inizi 2000 nel nuovo pop cantautorale.

Singoli

99 Posse – Comanda la gang: Il ritorno dei 99 posse vale anche solo per la copertina del singolo, con le caricature di Draghi, Renzi, Mattarella e Salvini in versione gangster del rione.

Bruno Belissimo, Le feste Antonacci – Centocelle Nightmare: Capre indiavolate, seminari sulle dite dei piedi e groove inarrestabile: il nuovo singolo di Bruno Belissimo, assieme a Le Feste Antonacci, è una imperdibile hit nonsense.

Lorenzo BITW, Grindalf - Tuscolana Bounce: I due producer prendono il suono multietnico di una delle vie centrali di Roma e lo trasportano nella dimensione del club.

Bluem – Martedì: Bluem traccia una lieve corolla musicale attorno a emozioni potenti, dolorose e discordanti, che scavano fino a trovare la radice più profonda e pura del suono.

Canarie – Brodo: “Maledetta nostalgia, che ci farà impazzire”. I Canarie cantano una storia apparentemente con dolceamara leggerezza.

Caparezza – Exuvia: C’è chi l’ha presa come un addio, invece è un grande ritorno che anticipa un nuovo album. Bentornato Caparezza.

Claver Gold, Murubutu, TMHH – Beatrice: Inedito contenuto nella stampa in vinile di Infernum e dedicato alla musa di Dante.

Diplomatico e il Collettivo Ninco Nanco – L’indifferenza: Il rapporto tra il protagonista del brano, caotico e sregolato, e una lei perfetta, l’unica che può salvarlo da se stesso.

Davide Diva – Luna: Come ci possiamo muovere se ci sentiamo bloccati dalla camicia di forza delle richieste degli altri? Per Davide Diva, la risposta è alzare gli occhi al cielo e rifugiarsi sulla luna.

Elenoir – La bambola: Elenoir fa una cover suadente ed enigmatica dell’iconico brano di Patty Pravo, dal finale incandescente.

Ketama126 – Aquile: Il ritorno di Kety è un singolo che unisce un beat aggressivo, archi struggenti e la sfacciataggine di sempre.

Hearts Apart – It's all the same: Il secondo singolo del super gruppo della scena vicentina è una gemma fulminante di spensierato pop punk.

Ianez – Minerva: Come Minerva nasce da un mal di testa di Giove, così Ianez rimane ossessionato dal ricordo di un amore finito che lo tormenta.

Les Enfants – Resta con me: Nell’intimità di una notte buia, i Les Enfants ci avvolgono in un abbraccio che ci accompagna anche dopo l’alba.

MamboLosco – Demone: MamboLosco mostra un suo lato più vulnerabile e sensibile, con una rinnovata consapevolezza di se stesso dopo un anno di chiusure e restrizioni.

Menomale – Pesci: Il socio di Ngawa fa il suo debutto con Pesci, un singolo mutevole e sfaccettato come un collage, senza però perdere la sua innata leggerezza.

Mille – I pazzi: L’immaginario condominio dentro a Mille è abitato da una marea di inquilini, che ben rappresenta il caleidoscopico marasma della sua musica.

 

Nayt – Tutto il resto è noi: La scoperta dei sentimenti dopo la difficoltà di starci in contatto è il fulcro del nuovo singolo di Nayt, uscito assieme alle versioni acustiche di Favolacce e Passerà.

Rayan & Intifaya, Touché – Sa7bi: Il giovanissimo Touché viene assoldato dai concittadini Rayan e Intifaya, per raccontare con toni cupi le ombre della loro Padova.

So Beast – Punch: Il singolo del duo italo-croato è il fragile equilibrio tra violenza e grazia, ottenuto attraverso la liberazioni dei propri istinti.

Tigri – Geisha: Tigri parte dalle figure del samurai e della geisha per affrontare il tema del maschilismo tossico e per superare gli stereotipi dei ruoli di genere.

---
L'articolo Il Bollettino di venerdì 2 aprile di Vittorio Comand è apparso su Rockit.it il 2021-04-02 10:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia