Brian Eno spiega in 36 secondi perché la musica moderna ha perso la sua umanità

via artribune.com - brian Eno musicista compositore produttorevia artribune.com - brian Eno musicista compositore produttore
27/07/2016 11:04

Tutto sarà perfetto fino quando, nei fatti, non ci sarà più alcun segno di umanità 

In questo video, Brian Eno prova a sintetizzare in pochi secondi tutti gli effetti negativi che il massiccio uso di tecnologia può portare nell’ambito della creazione musicale.

Il sito Openculture.com ha ritrovato un breve estratto di un video dalla BBC nel quale il produttore racconta come la possibilità di creare musica servendosi esclusivamente di macchine e sequencer digitali possa cambiare radicalmente la mentalità di un musicista. Ovviamente Eno non dice che l’uso dei computer sia dannoso nella musica (e la sua discografia lo dimostra), quello che suggerisce, invece, è che tali innovazioni possano indurre a pensare che la perfezione sia uno dei principali obiettivi di un artista.

“La tentazione è di levigare ogni singolo dettaglio” - commenta Brian Eno - “Quando si ascolta una cosa per più e più volte, e magari c’è una parte della batteria che è leggermente meno precisa, allora la si sostituisce con un’altra. L’effetto immediato è di peggiorare quella parte: senza accorgertene tu stai gradualmente omologando l’intera canzone anche se ogni singolo ritmo, o ogni singola parte di chitarra, ti sembrerà perfetta”.

Eno prova a spiegare che secondo lui i cosiddetti “happy mistakes”, ovvero gli errori felici capitati per caso all’interno di un brano e che hanno involontariamente suggerito nuovi modi di suonare e nuovi arrangiamenti ai musicisti che li hanno commessi, siano molto importanti per dare la giusta personalità ad una canzone

Nel 1975 il produttore ed il pittore Peter Schmidt aveva inventato un set di carte intonato “Oblique Strategies” nato con l'obiettivo di aiutare gli artisti alle prese con un blocco creativo. Ogni carta contiene un consiglio per superare tale impasse e uno di questi è appunto “Onora ogni tuo errore come un'intenzione nascosta”. È un ottimo suggerimento che, forse, molti dei musicisti di oggi hanno dimenticato di seguire.

(via)

Tag: tecnologia tutorial

Commenti (3)

Carica commenti più vecchi
  • Roberto Favilla 28/07/2016 ore 13:58 @robyfv

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!

  • Sand Sand 03/08/2016 ore 15:44 @SandroSala

    ad esempio la schitarrata tripla in CREEP dei Radiohed

  • Fabio Scatena 08/11/2016 ore 12:36 @Esse.Lungo

    Parla lui che negli ultimi dieci anni ha prodotto il peggio della sua carriera?

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

Erlend Øye dei Kings Of Convenience dedicherà un concerto ai grandi classici della musica italiana