Il ritorno dei Canadians: ascolta “Girl from Outer Space”

Un'immagine del video di Girl from Outer Space dei CanadiansUn'immagine del video di "Girl from Outer Space" dei Canadians
21/11/2017 11:48 di

I Canadians ci avevano lasciato così nel 2011: “L'avventura Canadians si conclude qui. Vi lasciamo in eredità due dischi, qualche ep e tanti ricordi. Adesso potete continuare a seguirci nei nostri nuovi progetti. Massimo, Vittorio e Andrea potete ascoltarli nei Lava Lava Love, Michele negli Ancher, Duccio prima o poi pubblicherà un ep acustico, Christian lo trovate sui bus a Verona, il Fra è da qualche parte in America. Grazie a tutti. Grazie di cuore per i sei anni più belli della nostra vita”. Dopo l’ep “The North Side of Summer” del 2005 e i due album “A Sky With No Stars” e “The Fall of 1960”, pubblicati rispettivamente nel 2007 e nel 2010 per Ghost Records, la band college rock sembrava dunque definitivamente sciolta: e invece no. A sette anni dall’ultimo lavoro i Canadians tornano con un nuovo brano, “Girl from Outer Space”, fuori per Bello Records e assaggio di quello che sarà un nuovo album, di cui non si conoscono ancora titolo e data di uscita. Il pezzo è accompagnato da un video in cui la band commenta lo sviluppo dela canzone su uno sfondo stellato.

Canadians - "Girl from Outer Space"


I Canadians hanno da poco festeggiato il decennale di “A Sky With No Stars”, ricordato come “Il nostro primo disco "vero" per un'etichetta, venduto nei negozi, con un video in alta rotazione su MTV, con tanti concerti e mille altre cose belle”, e ora sono pronti a tornare con “il loro Chinese Democracy” (ironico riferimento a un album dalla lunghissima gestazione): “Il disco è finito! Abbiamo anche già deciso titolo e scaletta. Due righe veloci per ringraziare Paolo del MellowSongStudio e Daniele del Woodpecker Mastering: senza di loro questo disco probabilmente non avrebbe mai visto la luce”.

Tag: nuovo brano

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Perché "Brunori a teatro" non è solo un altro concerto di Brunori Sas