Ascolta la prima canzone mai suonata da un computer

Alan Turing nel suo laboratorio, via /britishlibrary.typepad.co.uk/ - Alan Turing macchinaAlan Turing nel suo laboratorio, via /britishlibrary.typepad.co.uk/ - Alan Turing macchina
29/09/2016 13:32 di

Se siete rimasti colpiti dalle canzoni interamente create dall’intelligenza artificiale sviluppata nei laboratori Sony, questi pochi minuti di musica vi interesseranno sicuramente. Si tratta della prima canzone in assoluto suonata da un computer, precisamente dalla macchina inventata dal noto ingegnere Alan Turing verso la fine degli anni ’40.

Come spesso accade in questi casi, la scoperta è stata del tutto casuale: Turing aveva notato che inserendo determinati comandi all’interno di una delle sue macchine si potevano ottenere dei suoni e, ispirato dal risultato ottenuto, ha deciso di chiamarla “The hooter” (il “clacson”).


 (Alan Turing e Christopher Strachey nel loro laboratorio, via)

Fin da subito, però, l’inventore si era dimostrato poco interessato ad un congegno che, se adeguatamente programmato, fosse capace di riprodurre musica: per lui era più utile che si limitasse ad emettere note diverse segnalando così comandi o errori diversi.

Il primo a sfruttare veramente il potenziale della macchina fu Christopher Strachey, un insegnante di piano con la passione per la tecnologia. Dopo avere studiato per intero il Mark II - il manuale di utilizzo di “The hooter” - riuscì a comporre tutte le note dell'inno “God Save the Queen”. Sentendo quel risultato, Turing rimase così impressionato da offrirgli un lavoro nel suo laboratorio.

Nel 1951 la BBC ha poi deciso di incidere la traccia su un vinile 12 pollici: su un lato era presente “God Save the Queen” mentre sull’altro c’era la canzone per bambini “Baa Baa Black Sheep” ed il brano swing di Glen Miller "In The Mood".

(via)

Tag: scienza tecnologia

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati