L'introvabile singolo italo-disco di Carlo Conti del 1985

KontyKonty
09/01/2015 11:00 di

Il presentatore e direttore artistico del prossimo Festival di Sanremo, Carlo Conti, nel 1985 c'ha provato. Con il nome d'arte veramente eccezionale di Konty, il conduttore più abbronzato di tutti i tempi ha tentato la strada della italo-disco, tanto in voga durante gli '80 (e ripresa di brutto nell'ultimo decennio da produzioni elettroniche di tutti i tipi) con il singolo "Through the Night", edito dalla Discomagic, scritto da Danilo Ciarchi e arrangiato da Fabrizio Federighi, che aveva già collaborato con Ilona Staller (alle canzoni, non a quelle cose lì). Partiamo dalla copertina:

Grafica minimale, geometrica, proto-hipster e nel mezzo lui, mullet d'ordinanza, vestito da impiegato del catasto con gli occhiali di Arale, pacco tremendamente in vista. Non esattamente Simon Le Bon, ecco.

È arrivato il momento di ascoltare il pezzo:

Che bomba, che groove! L'intro starebbe bene in una scena truce di "Drive". Al minuto 1 e 15 secondi però le cose cambiano, perché Carlo inizia a cantare e da lì in poi è tutta salita. L'inglese di chi alle superiori era assente, la voce tremula che sembra auto-tune e invece  è proprio lui. Verso una certa, il ritornello, un bieco tentativo di estorcere l'applauso con un coretto "Uoooo baby don't cry" già sentito in 4000 singoli dell'epoca. C'è da capire perché non ci abbia riprovato. Però, a dirla tutta, un remixaccio ci starebbe proprio. Caccia aperta al vinile originale, che contiene anche la versione dance di Riccardo Cioni. [via]

Tag: strano e lol

Commenti (9)

Carica commenti più vecchi

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati