"Chiusi dentro", nuovo album per i Derozer

17/05/2002

Dopo undici anni di attività, tre dischi ("Bar", "Alla nostra età", Mondo perfetto", i Derozer, a due anni di distanza dal loro ultimo disco si ripresentano con "Chiusi dentro".

Sarà il primo album ad avere una distribuzione più ampia, che coprirà tutt’Italia.

E se da una parte c’è la volontà da parte di Derozer di uscire dall’underground con una distribuzione più massiccia, dall’altra il nuovo disco, come già fa presagire il suo titolo, porta con sé un chiaro segnale: fedeli alla linea, barricati dietro ai loro punti di riferimento (Bad Religion su tutti, ma anche Ramones), coerenti al proprio stile, pensano "Chiusi dentro" con un’idea ben chiara in testa: “Siamo in un momento in cui si è bombardati da mille sollecitazioni esterne”, dice Seby. “Molti decidono di lasciare il tracciato chiaro del punk per imboccare altre strade. Noi no. Noi, fedeli all’idea di punk rock, di punk non per divertimento, come purtroppo ci propinano i gruppi punk americani, ma di punk rabbioso, “ci chiudiamo dentro”, ci barrichiamo dietro alle nostre idee”.

L'album è stato registrato in uno studio tedesco (il Westwood Recording Studio di Paderborn) che è da sempre punto fermo per un network europeo di gruppi punk militanti che gravita intorno a un’etichetta altrettanto militante (la Mad Butcher).

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Un pomeriggio al lavoro con Gel: Angeli e Demoni al centro per le dipendenze patologiche