Ciao Arezzo Wave, benvenuto Italia Wave

23/11/2006

Avevamo seguito con attenzione la vicenda Arezzo Wave, raccontandola per filo e per segno ( www.rockit.it/pub/keywords.php?corr=arezzo+wave ). Ora, dopo tante voci, finalmente il comunicato ufficiale. Il più grande festival rock italiano, all’età di 20 anni cambia casa. Negli ultimi anni, da festival rock per le nuove tendenze, è cresciuto presentando nuove sezioni culturali e nuovi palchi: letteratura, cinema, teatro, cabaret, fumetti, danza, arte contemporanea, mostre figurative. Come una pianta che non riesce più a essere contenuta dal vaso in cui è nata anche Arezzo Wave ha purtroppo bisogno di crescere in un contenitore adeguato per i propri spazi. Questo il motivo - secondo gli organizzatori, anche se è impossibile ipotizzarne altri - alla base della decisione di una nuova area idonea alla realizzazione della rassegna, collocata in ogni caso all’interno della Regione Toscana, terra meravigliosa che gode di attenzione internazionale. Nasce così “Italia Wave”: l’area individuata per la maggior parte degli eventi della nuova rassegna è collocata nello splendido parco di Villa Montalvo a Campi Bisenzio nella provincia di Firenze. “Italia Wave”, figlia di Arezzo Wave Love Festival, manterrà l’ingresso gratuito con un biglietto facoltativo che sarà pagato solo dopo le 21.15, come già sperimentato nell’ultima edizione del festival. Continua anche la rassegna organizzata dalla Fondazione Arezzo Wave Italia per le band emergenti. Il concorso “Arezzo Wave Band” infatti sarà rivolto a tutti i gruppi, da quest’anno anche con album all’attivo purché non pubblicati da major discografiche. Felice quindi di annunciare il lieto evento, la Fondazione Arezzo Wave Italia invita tutti dal 17 al 22 di Luglio al battesimo di “Italia Wave Love Festival”.

Per info:
www.arezzowave.com/

Tag: festival

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Wilma De Angelis canta "Non è per sempre" degli Afterhours