Concrete autogestioni, festival al C.S. Leoncavallo

18/07/2002

Anche il C.S. Leoncavallo, nonostante una stagione ricca di grandi eventi ha deciso, con l’arrivo dell’estate, di organizzare un festival per deliziare i cittadini milanesi con musica, cinema, teatro e molto altro. Come è giusto che sia, il festival del centro di via Watteau non è esclusivamente legato al divertimento, ma pensato come un tentativo di creare socialità attraverso una kermesse di quattro giorni durante i quali sarà possibile collegare la propria memoria a ciò che è successo di questi tempi solo un anno fa: il G8 di Genova, la moltitudine che si è riversata nelle strade chiedendo un mondo diverso e più equo, l’omicidio di Carlo Giuliani, i fatti della scuola Diaz e di Bolzaneto.

L’happening che il C.S Leoncavallo ha ribattezzato Concrete autogestioni” vuole essere anche momento di discussione e di “sommatoria” per tutto quello che c’è stato in questi ultimi mesi a Milano, un momento dove diverse realtà amiche e compagne di strade si incontrano per confrontarsi, per fare un bilancio e per costruire questo grande evento di fine stagione.

Da giovedì 18 a domenica 21, ci sarà la possibilità di assistere alle esibizioni di Michael Franti & Spearhead, Chumbawamba, La Crus e tanti altri nel salone centrale; di ballare con i dj set di Alessio Bertallot, Agatha Crew, Lele Sacchi, solo per citarne alcuni, nello spazio Foresta delle Idee; di assistere a proiezioni video e film con la collaborazione di Massa Zero e SubMovie; e soprattutto di informarsi tramite un infoshop ed un media center che aggiornerà sulle manifestazioni che in contemporanea si terranno a Genova.

Per agevolare le numerose persone che arriveranno da fuori, si è anche pensato ad un campeggio gratuito aperto 24 ore su 24 nell’attiguo parco del Leoncavallo e alla cucina popolare.

Di seguito il programma di Concrete Autogestioni diviso giorno per giorno:

Giovedì 18 concerti di Groovie Ghoulies, uno dei gruppi punk di punta della scena americana e in apertura di serata lo show di un trio tutto al femminile: le Peggy Pogo, giovanissimo gruppo italiano che propone una miscela tra rock’n’roll e pop/surf.

Venerdì 19
Michael Franti & Spearhead, musicista ribelle che da sempre si schiera con i prigionieri politici americani, con le lotte del movimento antiglobalizzazione (a Seattle era in piazza a fianco dei contestatori che diedero vita al cosiddetto “Popolo di Seattle”), e che scrive testi dove si trovano profonde e impegnate analisi sul mondo di oggi.

Vallanzaska, una delle band più affermate del panorama ska italiano.

dj set di Alessio Bertallot, uno dei massimi esponenti della musica elettronica italiana, dj di successo, conduce quotidianamente su Radio Deejay “B-Side.

Agatha Crew, composta dal duo romano Lai & Petitti, anche loro sono tra i maggiori esponenti della scena elettronica italiana, da 5 anni promuovono le serate omonime al C.S. Brancaleone e nel corso degli anni, oltre che a suonare nei principali club europei hanno lavorato a remix di band come Avion Travel e Assalti Frontali.

Vito War al baretto dj set a tutto reggae di Vito War, storico selecter milanese uno dei primi dj italiani a proporre esclusivamente musica reggae. Vito War è conosciuto in tutta Italia e Europa, collabora con i massimi esponenti del genere britannici e jamaicani, nonché conduttore di “Reggae Radio Station” su Radio Popolare Network.

Sabato 20
La Crus in concerto, la più interessante proposta di musica d’autore di assoluta atmosfera.

La loro formazione vede in questo concerto Mauro “Giò” Giovanardi alla Voce; Cesare Malfatti alla chitarra, tastiere e giradischi; Luca Saporito “Lagash” al basso; Leziero Rescino alla batteria e Paolo Milanesi alla tromba.

La parte elettronica è a cura di Tobia Molinari, dj eclettico che selezionerà pezzi deep house con inflessioni nu jazz, e a seguire tre dj residenti di “Jack The Sound”, che in questa stagione ha fatto ballare migliaia di appassionati, dj Em, uno dei padrini della club culture milanese, con base musicale drum’n’bass, ma che proporrà in questo set sonorità esclusivamente deep house; Bruno Bolla, da vent’anni sui piatti di diversi locali milanesi e non solo, ha lavorato anche all’estero per importanti club house di Parigi, Londra e Monaco, conduce settimanalmente un programma su Radiomontecarlo, infine Lele Sacchi, uno dei migliori dj europei, ha diverse residenze nei migliori locali italiani, ha da poco fondato una etichetta esclusivamente house la Soundplant Rec. con la quale ha fatto uscire il suo disco “House Emotions”.

Domenica 21
Chumbawamba (U.K), una delle band più importanti del panorama alternativo internazionale, sono, come Michael Franti, molto sensibili a tematiche care al movimento “no global”, sono inglesi e da diversi anni propongono una particolare miscela musicale a base di pop, punk e ska.

Più che un gruppo musicale è un collettivo dove ogni membro esprime la propria forma artistica.

Spazio ai dj set con Catfood, il progetto di due dj milanesi Pandaj & Ailén, anche loro dj di Jack The Sound, questa sera proporranno un set decisamente estivo a base di funk, e per l’occasione, verrà suonato il singolo di Pandaj “Antiglobal technology”, relativo ai fatti di Genova del G8, prodotto insieme a Sergio Messina. Poi ancora il set del B-Team, il combo nato tra le mura del laboratorio sociale Deposito Bulk, che proporrà sonorità tra hip hop e sperimentazione elettronica ed infine il set di Painè, dj milanese della Compl8 Crew, uno tra i migliori rappresentanti della scena break-jazz italiana, è resident dj in diversi locali della penisola, recentemente ha “aperto” il concerto di The Herbaliser a Milano.

DI SEGUITO SALA PER SALA LE ALTRE INIZIATIVE:

QUEERHOUSE (SPAZIO BONGHERIA): spazio di incontro, dibattito e divertimento a tematiche omosessuali, gestito dalla queer crew Pornflakes, già animatrice delle serate mensili “Different Soundz” al C.S. Leoncavallo. In quest’area è prevista una zona chill out serale mentre durante tutto l’arco del festival sarà in funzione un bar vegetariano che non servirà alcolici.

HEMP BAR: in una delle zone più fresche del centro, si terranno diversi dibattiti su questioni di stretta attualità: giovedì 18 luglio incontro, coordinato dall’Ass. Ya Basta!, sulla Palestina, dove verranno presentati i progetti di solidarietà attiva e le prossime iniziative a sostegno del popolo palestinese e per una pace giusta e dignitosa.

Interverrà anche Critical Mass, la “massa critica” che rivendica la riappropriazione degli spazi urbani in un’ottica ecologica di vivibilità delle persone e di crescita della qualità della vita (il loro mezzo di trasporto e di comunicazione è la bicicletta). Per questo motivo invitano tutti alle 21.30 in P.zza Mercanti per raggiungere il c.s. Leoncavallo in bicicletta. In serata sarà proiettato un video di Critical Mass in giro per il mondo.

venerdì 19 dibattito sulla soppressione del tribunale dei minori e sulle tematiche inerenti alla nuova disposizione di legge in materia di tossicodipendenze con: Adolfo Ceretti (ordinario Criminologia), Raffaele Mantegazza (pedagogia della resistenza), Nichi Vendola (Prc).

Domenica 20 incontro sulla situazione irlandese con la successiva proiezione del film “Bloody Sunday”, una tavola rotonda che allargherà la discussione sull’attualità del diritto all’autodeterminazione dei popoli nel contesto della globalizzazione e della fine degli stati-nazione.

SPAZIO PROIEZIONI (PARCO): ogni giorno, nel parco del centro sociale, una proiezione in pellicola originale 35mm a cura di Massa Zero, collettivo cinematografico che quest’anno ha proposto diverse rassegne di cinema in pellicola e che in questi giorni proporrà, giovedì 18, Amores Perros, venerdì 19, Paz!, sabato 20, Carlo Giuliani ragazzo e domenica 20, la proiezione del già citato, Bloody Sunday.

GIOVEDI’ 18 LUGLIO - APERTURA ORE 20.00
VENERDI’ 19 LUGLIO - APERTURA ORE 16.00
SABATO 20 LUGLIO - APERTURA ORE 16.00
DOMENICA 21 LUGLIO - APERTURA ORE 16.00
Ingresso con sottoscrizione

Per informazioni:
C.S. Leoncavallo - Via Watteau 7 - Milano
Tel. 02 6705185 - e-mail info@leoncavallo.org
www.leoncavallo.org

Pagine: La Crus Vallanzaska Peggy Pogo Alessio Bertallot

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Top It 2017: i 20 dischi dell'anno secondo Rockit