Il crollo di Kazaa, e iMesh come Napster

23/07/2004

Il filesharing è un po' sulla bocca di tutti. E per alcuni anche nel cuore (e fuori dal portafogli). Così ne diamo notizia anche noi.

Nonostante i risultati contrastanti della ricerche di settore, sembra che tutte le iniziative dell’industria discografica non abbiano scalfito il filesharing, che pare che nell’ultimo anno sia rimasto più o meno sugli stessi livelli di dodici mesi fa.

A soffrire però sono i vecchi giganti del p2p, i dominatori dell'era post-Napster: Kazaa e iMesh.

Il primo la scorsa primavera ha perso lo scettro di software più scaricato da Download.com e oggi viene abbandonato in massa dai suoi utenti. In più, la concorrenza di eDonkey e - che permettono una gestione più efficace dei file di grossa dimensione (i film) e non riempiono gli hard-disk di spyware e altri programmi indesiderati - infastidisce.

iMesh, invece, ha raggiunto un accordo con i rappresentanti dell’industria discografica. La società israeliana si è impegnata a pagare 4,1 milioni di dollari e a modificare la sua piattaforma, in modo da permettere solo più lo scambio di materiale autorizzato. In cambio, le major hanno promesso di interrompere la propria offensiva legale, scongiurando la chiusura del sito.

(Fonte: La Stampa)

I siti:
Kazaa: www.kazaa.com/
eDonkey: www.edonkey2000.com/
BitTorrent: bitconjurer.org/BitTorrent

Tag: mp3 siae

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Porno per sapiosessuali su Rai1: Alberto Angela intervista Paolo Conte nelle Langhe