Dal MEI riguardo l'adesione al Tour dei diritti

14/11/2005

Comunicato Stampa, ricevuto con preghiera di diffusione a tutti i lavoratori dello spettacolo.

IL SINDACATO ARTISTI DELLA MUSICA E AUDIOCOOP
ANNUNCIANO IL "TOUR DEI DIRITTI" DEI MUSICISTI

Caro collega, in occasione del MEI di Faenza concluderemo la raccolta delle adesioni all’iniziativa congiunta Siam-Audiocoop partita in occasione del Premio Tenco a Sanremo, dal titolo Tour dei diritti.

Il nostro è un sindacato neonato ma, per necessità, maturato in fretta. C’è la concreta possibilità di migliorare le condizioni di vita di decine di migliaia di lavoratori dello spettacolo ed intendiamo provarci. Gli strumenti a basso costo e ad alta militanza del sindacalismo tradizionale ci sono negati dalle particolari condizioni di questo particolare lavoratore, a partire dalla dispersione sul territorio per arrivare alla scarsa propensione a pensarsi come lavoratore. Ci resta però una grande via di comunicazione che è negata alle altre categorie: la solidarietà attiva degli artisti famosi.

La tua adesione al Tour dei diritti darebbe lustro e visibilità all’iniziativa.

Chiediamo nell’ordine, l’adesione (l’autorizzazione a pubblicare il nome nell’elenco delle adesioni), meglio due righe di solidarietà da pubblicare, meglio ancora la presenza ad una nostra iniziativa.

E’ una battaglia di civiltà per la musica in Italia, per chi l’ascolta e per chi la produce.

Dare dignità a chi lavora nello spettacolo, riconoscendone il ruolo culturale e sociale, oltrechè economico, significa innanzitutto riconoscergli i diritti essenziali del lavoro, dall’assicurazione contro gli infortuni all’indennità di disoccupazione, ecc..

Se condividi i contenuti e gli obiettivi manda subito la tua adesione al seguente indirizzo e-mail : mailto:a.salerno@sindacatomusicisti.it oppure comunicala al n. 333/1064006. Grazie!

Tag: Meeting Etichette Indipendenti

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Perché "Brunori a teatro" non è solo un altro concerto di Brunori Sas