Spotify, Deezer e Soundcloud insieme: nasce in Europa la prima lobby dello streaming

Spotify, Deezer e Soundcloud insieme per Digital Music EuropeSpotify, Deezer e Soundcloud insieme per Digital Music Europe
09/11/2017 11:17 di

Spotify, Deezer e Soundcloud, colossi dello streaming a livello internazionale, hanno messo da parte la loro rivalità per unirsi in una lobby finalizzata a promuovere i servizi musicali digitali in tutta Europa: Digital Music Europe comprende, oltre alle succitate aziende, anche 7digital, la francese Qobuz e la piattaforma di intelligence market Soundcharts.

Nell’annunciare il lancio della nuova associazione, il presidente di DME nonché CEO di Deezer Hans-Holger Albrecht ha dichiarato: “Per un decennio, le aziende di musica digitale europee hanno portato avanti la trasformazione dell’industria musicale a livello globale”, aggiungendo che la formazione di questa nuova lobby “sottolineerà la leadership europea in questo settore, ispirerà altri imprenditori europei e creerà un unico canale di comunicazione con i responsabili politici”. Olivia Regnier, direttrice degli Affari Regolamentari in Europa di Spotify, sostiene che la missione fondamentale di questa alleanza sarà “condividere l’esperienza e la visione di ogni suo membro per contribuire ai dibattiti politici col fine di formare un mercato unico digitale europeo”, aggiungendo che “i responsabili politici hanno un ruolo fondamentale da svolgere per sostenere la crescita dell'intero settore musicale e consentire una maggiore innovazione in Europa”.


Olivia Regnier


La presentazione del nuovo gruppo di pressione, con sede a Bruxelles, giunge in un momento cruciale per le società di musica digitale in Europa, con la Commissione Europea impegnata a esaminare una serie di proposte relative all'ammodernamento della legislazione sui diritti d'autore e all'accesso transfrontaliero nell'ambito dei piani di creazione di un Singolo Mercato Digitale (DSM). All'inizio di quest'anno, la politica ha approvato nuove norme che consentiranno ai cittadini europei di accedere agli stessi servizi di streaming e di intrattenimento online che utilizzano a casa quando si viaggia all'interno dell'UE. Una volta adottato formalmente, il regolamento entrerà in vigore all'inizio del prossimo anno.

Tra i provvedimenti in discussione presso la Commissione Europea, c’è anche quello per adottare misure più severe per impedire la distribuzione illegale di contenuti musicali e video sulle piattaforme di condivisione come Youtube. È bene inoltre ricordare che l’ultima volta in cui l’Unione Europea ha radicalmente modificato le proprie leggi sul diritto d’autore è stato nel 2001, quando Spotify, Deezer, Soundcloud (e Youtube) non esistevano ancora. Si rende dunque in qualche modo necessaria una revisione del sistema, come spiegato nel comunicato stampa della DME, che si prefigge di collaborare con la politica per “creare un quadro legislativo e normativo che supporti la crescita della musica digitale per portare vantaggi sia agli artisti che ai consumatori”.

 

(via)

 

Tag: soundcloud deezer spotify streaming politica

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    “Fabrizio De André. Principe libero”, il film con Luca Marinelli arriva al cinema come evento speciale